14 novembre 2018
Aggiornato 01:30

Scatta l’allarme zanzara tigre: bollino rosso in tutta la regione, ecco come combatterle

Gli insetti arrivano prevalentemente dalle risaie: piazzate 900 trappole per catturarle e non farle arrivare in città. Ultima settimana da incubo, poi l’invasione dovrebbe fermarsi
Una zanzara in azione
Una zanzara in azione (Diario di Torino)

BIELLA - Un ronzio fastidioso nell’orecchio, le caviglie «divorate» durante una cena all’aperto. Di cosa stiamo parlando? Di uno degli insetti che, storicamente, ogni anno accompagna le estati dei torinesi e non: la zanzara. Quest’anno, a Biella, sembra una vera e propria invasione quella condotta dal tipo di zanzara più combattiva di tutte, la zanzara tigre. Secondo Vape Foundation, il Piemonte vive una situazione di vero e proprio allarme, con un bollettino rosso in tutta la regione.

ZANZARE, LA SITUAZIONE - La grande presenza degli insetti è dovuta alle temperature elevate e al clima tropicale di questi giorni, con giorni di pioggia alternati a sole cocente e temperature elevate. Le zanzare si riproducono prevalentemente nelle risaie e nelle campagne, vicino agli stagni, ma è facile che arrivino anche nell’area metropolitana poco distante. Ipla ha confermato di aver allestito oltre 900 trappole, che nei prossimi giorni, specie se dovesse smettere di piovere come previsto, dovrebbero progressivamente svuotarsi.

COME EVITARLE - Come combatterle? I consigli degli esperti sono noti, ma vale la pena ricordarli: meglio indossare abiti chiari, visto che quelli scuri attirano gli insetti. I repellenti poi sono sempre utili e vanno applicati soprattutto nelle zone dove le zanzare tendono a colpire maggiormente, piedi e gambe. L’orario in cui sono più attive è quello notturno, quando la temperatura percepita è decisamente più fresca.  Attenzione poi ai rimedi naturali: alcuni sono molto efficaci, altri rischiano di attirare ulteriormente gli insetti. Molto importante evitare i ristagni d’acqua sotto i vasi per evitare che le zanzare nidifichino sul balcone. Ricordiamo inoltre che è in vigore un’ordinanza anti zanzare, capace di costare multe salate per i trasgressori.