22 agosto 2017
Aggiornato 14:30
Attualità

Biella, niente glifosato contro le erbacce in città

Non si ha ancora certezza assoluta che questa sostanza sia nociva ma molte amministrazioni comunali stanno seguendo le indicazioni della delibera della giunta regionale del Piemonte

Glifosato (© Comune di Biella)

BIELLA - Anche in città è stato dato l’addio ai diserbanti per combattere infestanti e erbacce. Fino agli anni scorsi questo problema veniva risolto con l’utilizzo, da parte di chi faceva questo lavoro per il Comune, di prodotti contenenti l’erbicida glifosato, sostanza che, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato alternativamente come «probabilmente» e «non probabilmente» cancerogena. Non si ha ancora certezza assoluta che questa sostanza sia nociva ma molte amministrazioni comunali stanno seguendo le indicazioni della delibera della giunta regionale del Piemonte numero 25-3509 del 2016 sulle linee di indirizzo riguardanti l’utilizzo di questi diserbanti.

PARLA L'ASSESSORE«Biella ha deciso di applicare il principio della prudenza e di adeguarsi alla circolare regionale mettendo al bando il glifosato - spiega l’assessore all'ambiente Diego Presa - procedendo, almeno per il momento al diserbo meccanico con tagliaerba o manuale laddove necessita. Per tale motivo, per quanto riguarda le strade, abbiamo raddoppiato il numero degli operatori Seab dedicati al diserbo che passano da due a quattro».

IL PUNTO - Nonostante il raddoppio delle risorse questa scelta ha complicato la lotta dell’amministrazione comunale di Biella contro gli infestanti in termini di tempo, perché l’intervento meccanico non è veloce e duraturo come quello della distribuzione di prodotti chimici. Ricordiamo che la problematica riguarda i tratti lungo le strade e i marciapiediperché all'interno dei cimiteri il diserbo meccanico viene svolto dal personale comunale mentre all'interno dei parchi e giardini il lavoro viene svolto dalle ditte esterne incaricate della manutenzione ordinaria. «È per questa ragione che alcuni cittadini potranno notare alcuni punti della città non adeguatamente curati, e in questo caso invitiamo tutti a darcene segnalazione - aggiunge Presa - ma la scelta ci è parsa chiara: abbiamo preferito anteporre la salvaguardia della salute dei cittadini e dei loro animali, piuttosto che avere un arredo urbano perfetto».

IL NUMERO - L’assessore Presa assicura però che la situazione viene monitorata continuamente per adottare eventuali ulteriori interventi legati anche all'andamento climatico. Il numero verde dell’ufficio ambiente per eventuali segnalazioni è 800260960.