14 novembre 2018
Aggiornato 01:00

Meccanico in pensione manomette contachilometri in quasi mille auto: denunciato

Indagine della Guardia di Finanza. 70enne del Basso Biellese nei guai per evasione fiscale. Negli ultimi cinque anni "spariti" 90 milioni di km. Controlli nelle concessionarie e inchiesta ancora aperta. Il colonnello Dallerice: «Risultato importante»

BIELLA - Ha evaso il fisco per oltre un milione di euro un ex meccanico professionista in pensione che, negli ultimi cinque anni, almeno, ha ribassato i contachilometri di 855 autovetture. Ma non solo. L'uomo (70enne, residente in un comune del Basso Biellese, ma spesso in Francia per lavori analoghi) ha anche modificato filtri anti-particolato, valvole e centraline delle vetture, per aumentarne la potenza e la velocità. In totale l'uomo ha fatto "sparire" circa 90 milioni di chilometri.

INDAGINE - L' "operazione gambero rosso" è stata condotta dai militari del comando provinciale della Finanza, in due momenti. I primi accertamenti sono stati effettuati nel marzo del 2016, poi ancora nel maggio scorso. In entrambe le circostanza i militari nell'abitazione dell'uomo hanno trovato sofisticate apparecchiature elettroniche, soldi e valvole o pezzi del motore che doveva modificare. In contanti i finanzieri hanno sequestrato 9 mila euro, e 1450 franchi svizzeri e 262 centraline.

Alcuni dei locali del meccanico

Alcuni dei locali del meccanico (© Guardia di Finanza - Biella)

I FATTI - L'indagine comunque non è conclusa. Se infatti per ora l'uomo deve rispondere di evasione fiscale, non è escluso che nei prossimi mesi la sua posizione possa aggravarsi. O che negli sviluppi della vicenda altri soggetti possano essere coinvolti. Resta infatti ancora da capire e documentare come l'uomo potesse avere così tanti clienti, per un giro d'affari e di lavoro che lo portava a viaggiare in tutto il nord Italia: per quanto noto professionista e abile nel suo mestiere, troppi sono parsi i contatti in giro per Valle D'Aosta, Lombardia e Piemonte... C'è quindi una responsabilità di qualche rivenditore d'auto, aprendo un fronte per reati quali truffa? L'autorità giudiziaria lo dovrà appurare. Informazioni utili in tal senso potrebbero arrivare dai tanti automobilisti che dovranno rifare la revisione dell'automobile (circa 2 mila) dopo la segnalazione dei finanzieri al Ministero delle Infrastrutture/dipartimento dei trasporti. L'indagine dei finanzieri infatti è partita da una serie di controlli in concessionarie d'auto biellesi, che hanno fatto emergere la possibilità di pratiche scorrette ai danni degli inquirenti.

SODDISFAZIONE - «Si tratta di un'operazione molto importante, non solo per il nostro territorio - ha detto oggi in conferenza stampa il colonnello Ugo Dallerice -. I risultati ottenuti sono lusinghieri, frutti di un lavoro approfondito e costante da parte nostra».

Banconote sequestrate

Banconote sequestrate (© Guarida di Finanza - Biella)

Altre immagini del sequestro

Altre immagini del sequestro (© Guardia di Finanza - Biella)