25 settembre 2017
Aggiornato 15:30
Cronaca

Tentano di adescare due bambini su whatsapp

Sono soggetti residenti fuori provincia ora identificati dalla Polizia postale di Biella

Polizia di Stato (© Diario di Biella)

BIELLA - Due minori residenti nel Biellese sono rimasti vittime di un tentativo di adescamento, da parte di altrettanti soggetti residenti fuori provincia. I bambini, un maschietto di 14 anni e una bambina di 10, hanno ricevuto sul cellulare un messaggio via whatsapp, da parte di sconosciuti, che li invitava a fare un autoscatto e a inviarlo con lo stesso sistema. Entrambi hanno raccontato tutto ai genitori, che si sono immediatamente rivolti alla sezione della Polizia Postale presente presso la Questura di Biella. Sono partiti così gli accertamenti, che hanno permesso di identificare gli autori dei messaggi, ora segnalati all'autorità giudiziaria. Intanto, riprenderanno con l'inizio del nuovo anno scolastico gli incontri organizzati dalla Polizia negli istituti della provincia, dedicati a fornire agli alunni e ai loro genitori gli strumenti adatti a difendersi dai tentativi di adescamento e alla diffusione, in rete, del fenomeno della pedopornografia. E sempre la Polizia ha denunciato per porto abusivo di oggetto atto a offendere un cittadino francese, C.W., di 22 anni. Sorpreso nei pressi della Stazione ferroviaria, era stato trovato in possesso di un coltello di genere proibito.