23 novembre 2017
Aggiornato 12:00
Biella

Pubblica foto personali in rete e viene ricattato

La vittima è un biellese che si è visto chiedere 500 euro da un falso poliziotto per evitare una denuncia

Personale della polizia postale di Biella (© Polizia di Stato - Biella)

BIELLA - Pubblica su un sito di incontri delle immagini hot, per cercare compagnia femminile, e viene raggirato da una persona che si spaccia per agente della Polizia Postale. Vittima un 40enne residente nel Biellese che, ingenuamente, aveva messo in rete delle foto compromettenti. Passati pochi giorni, era stato contattato da un sedicente poliziotto, che gli aveva chiesto 500 euro. "Se paga - gli avrebbe detto - eviterà problemi con la giustizia». La vittima, a corto di contanti, aveva chiesto i soldi a un familiare, tacendo il motivo. Quando però gli era stata richiesta la restituzione del denaro, aveva raccontato tutto e, parlando con il congiunto, aveva scoperto di essere stato raggirato. Si era così deciso a sporgere denuncia alla Polposta, raccontando l'episodio e trovando, da parte degli agenti, la massima disponibilità. Le indagini hanno poi portato a identificare nel truffatore un soggetto già gravato da pregiudizi penali, ora segnalato all'autorità giudiziaria. Come sempre, in questi casi, il consiglio è quello di non pubblicare mai on line foto osè che possano far risalire alla persona. Inoltre, come precisano dalla Polizia di Stato, nessun appartenente alle forze dell'ordine ha mai chiesto, e chiederà mai, denaro, per evitare una denuncia.