23 settembre 2017
Aggiornato 05:30
Biella

Pompieri intervengono all'ex macello comunale

A fuoco un materasso e della carta. Sull'episodio indagano le forze dell'ordine. Da settimane gli spazi di via Ivrea sono un caso politico tra sindaco Cavicchioli e opposizione

Vigili del fuoco nell'ex macello (© Diario di Biella)

BIELLA - Una pentola a terra e un materasso, insieme a della carta, dato alle fiamme. È questo che si sono trovati davanti all'alba di questa mattina, mercoledì 13 settembre, i vigili del fuoco intervenuti all'ex macello comunale di via Ivrea, a Biella, per un principio di incendio. Nulla di grave. Il piccolo rogo è stato spento in pochi istanti e non ha causato particolari danni. A causarlo, pare, forse nel tentativo di cucinarsi qualcosa di caldo, alcuni senegalesi che bivaccavano ancora nell'immobile.

LE POLEMICHE - Un episodio, di piccole dimensioni, destinato però a riaccendere le polemiche politiche (il caso). Lo stabile, di proprietà della Regione e da tempo occupato da extracomunitari, era stato ultimamente al centro delle cronache cittadine. L'ultima riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, tenutosi in Prefettura, aveva deciso di evitare lo sgombero degli occupanti ma, nel contempo, di dare loro una sistemazione più dignitosa in strutture del territorio. Sui fatti accaduti all'alba indaga la Polizia di Stato, da cui dovrebbe arrivare, entro le prossime ore, un comunicato stampa.