18 ottobre 2018
Aggiornato 23:00

Inaugurata una scuola antisismica grazie alla bon prix

Oggi taglio del nastro nel complesso di Arquata del Tronto anche grazie al supporto di bonprix che, assieme ad altre associazioni del territorio piemontese. Presente pure Maria Teresa Boschi
Elsner (a sinistra) e la Boschi durante l'inaugurazione
Elsner (a sinistra) e la Boschi durante l'inaugurazione (Diario di Biella)

VALDENGO - Oggi si è inaugurata la scuola di Arquata del Tronto anche grazie al supporto di bonprix che, assieme ad altre associazioni del territorio piemontese e all’importante contributo della Fondazione Specchio dei Tempi, è riuscita a trasformare una donazione in un risultato concreto.

TAGLIO DEL NASTRO - Il nuovo plesso scolastico è una struttura antisismica ed eco-sostenibile che ospita le scuole di infanzia, elementari e medie ed è stata costruita in appena 4 mesi. E’ completamente cablata e dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sarà uno dei terminali del progetto "Connettiamo i bambini del mondo" lanciato da Specchio dei tempi per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmane. Bonprix si è occupata, in modo specifico, di fornire l’arredamento delle aule e della mensa della Scuola Primaria di Arquata con lavagne multimediali, tavoli, sedie, banchi. La cerimonia, che ha sancito l’inaugurazione ufficiale della scuola, ha visto la partecipazione del sottosegretario alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi, assieme alla commissaria per la ricostruzione Paola De Micheli, al presidente della Fondazione Specchio dei Tempi Lodovico Passerin d'Entreves, al direttore della Protezione civile nazionale Paolo Molinari e al direttore generale del Gruppo bonprix, Stephan Elsner.

LE PAROLE«Questo nuovo e importante progetto – ha dichiarato Stephan Elsner - rientra nell’ottica bonprix di rendere concreti i supporti destinati a chi, come in questo caso, è colpito da terribili calamità naturali. Siamo riusciti a tradurre in azione un gesto che vuole dare speranza ai giovani attraverso la ricostruzione della loro scuola, il luogo simbolo della loro crescita e del loro sviluppo. Ci tengo anche a sottolineare quanto questo risultato nasca dalla sinergia con le Associazioni del nostro territorio quali CBAU, Associazioni Unite Cossato, Gruppo Amici Sportivi di Valdengo e Associazione Lessonese di Volontariato. Solo con il contributo di tutti abbiamo potuto raggiungere un risultato così significativo».

Particolare della scuola

Particolare della scuola (© Diario di Biella)