18 ottobre 2018
Aggiornato 23:00

Supercoppa amara per l'Eurotrend

Treviso sempre avanti contro la formazione biellese. Finisce 72 a 80. Tentativo di rimonta, ma gli avversari non si sono lasciati sorprendere
Bowers, autore di 17 punti
Bowers, autore di 17 punti (Pallacanestro Biella)

BIELLA - Prova in chiaroscuro per l'Eurotrend Biella nella prima semifinale della LNP Supercoppa OldWildWest di Trieste. Al quarantesimo vince Treviso con otto lunghezze di vantaggio, 72-80, chiudendo un match gestito sempre al comando, ripresa solo a inizio terzo quarto sul 55 pari. Per Biella, ancora in black out nella fase di approccio, la soddisfazione di essere riuscita più volte a ridurre di un possesso la forbice a tabellone e aver chiuso a referto con cinque giocatori in doppia cifra. La formazione di Pillastrini scatta avanti di 8 punti, Biella bagna la retina da tre con capitan Ferguson ma i veneti prendono ritmo e fiducia e allungano a quota 11. Sul più dieci, scollinato il quinto minuto di gioco, i lanieri si avvicinano con Bowers, Uglietti e Tessitori e raggiungono il decimo sotto di 6, 11-17. Luca Pollone, Sgobba e Rattalino tengono alto l'orgoglio biellese e nella ripresa i rossoblù arrivano a toccare il -3, 18-21. Sul più bello per l'Eurotrend, la De' Longhi però si riprende l'inerzia e vola via: Musso, Fantinelli e in un amen Treviso torna avanti di +8. Il remake arriva pochi possessi più tardi: ancora -3 biellese e nuovo allungo biancoblu, 26-35. Prima dell'intervallo lungo Biella costruisce un break di 7 punti a 1 che riaccende tutto.

RIPRESA - A Brown risponde Bowers (40-44). Il film nel secondo tempo non cambia: l'Eurotrend si avvicina e Treviso ingrana una marcia in più. Uglietti infila dall'arco per il -5 ma deve fare i conti con Poser, che nel nuovo momento favorevole ai biellesi trascina i suoi a quota +9. È una Eurotrend formato diesel e continua a esserlo anche nei minuti a seguire: il terzo quarto va in archivio con il canestro del -2 firmato Giorgio Sgobba, 53-55. Biella ci crede e timbra il pari nel primo giro di orologio dell'ultima frazione. Treviso però è viva, non molla e dal lato opposto del parquet infila l'ennesimo canestro da tre. Il match scorre in parità, segnato da un tira e molla che rimette le cose a posto con Ferguson dalla lunetta (tre centri su tre per Jazz e tabellone dell'Alma Arena sul 62-65). Nel finale però esce il talento di Treviso, Biella prova a tenere ma argina solo con Tessitori e Uglietti. Chiude Ferguson dall'arco ma Treviso è saldamente al comando: 72-80.

Eurotrend Biella-De' Longhi Treviso 72-80

Parziali: 11-17, 33-36, 53-55.

Eurotrend Biella: Ferguson 13, Chiarastella, Bowers 17, Uglietti 14, Ambrosetti n.e., Pollone L. 3, Pollone M. n.e., Danna, Rattalino 2, Tessitori 10, Sgobba 13. All.: Carrea.

De' Longhi Treviso: Brown 21, sabatini 4, De Zardo 2, Rota n.e., Musso 13, Antonutti 13, Barbante 4, Poser 4, Imbrò 5, Fantinelli 14, Negri n.e.. All.: Pillastrini.