18 ottobre 2018
Aggiornato 07:30

«Chiedo fiducia ai biellesi. La squadra sarà all'altezza della città»

Parla il presidente dei bianconeri, Vittorio Bellosta. Soddisfazione per l'inizio del torneo, ma consapevolezza che si è ancora ad inizio stagione
Vittorio Bellosta
Vittorio Bellosta (Diario di Biella)

BIELLA - E' soddisfatto iil numero uno della società laniera, Vittorio Bellosta, presidente della Biellese che milita nel campionato di Eccellenza: "Sono soddisfatto ma, siamo solo all'inizio del campionato. Il settore giovanile è il nostro fiore all'occhiello».

4 partite, 9 punti e seconda posizione in classifica, come legge questo inizio di campionato?
«Sono soddisfatto! In campionato non siamo partiti con il piede giusto, forse la troppa presunzione ci ha penalizzati ma, è stato uno schiaffo morale che è servito alla squadra. Non ci sono partite facili e dopo Pavarolo la squadra l'ha capito. Quello che pretendo da tutti i giocatori è il rispetto per l'avversario e la massima concentrazione, sempre».

Nell'ultima partita è stata decisiva la panchina, una rosa di qualità dove tutti sono titolari?
«La rosa allestita quest'anno è sicuramente di qualità. Mi sono imposto affinchè venisse rinforzato il reparto difensivo, con il ds e l'allenatore abbiamo valutato ogni singolo giocatore e al momento le risposte che arrivano dal campo sono positive. Davanti possiamo far male all'avversario sempre, e domenica l'abbiamo dimostrato. Pochi giorni prima della chiusura del mercato è arrivato anche Binda, attaccante scuola Milan classe '98 e abbiamo in prova un terzino che arriva dalle giovanili del Catanzaro con 18 presenze in serie D».

Passiamo al settore giovanile che vede 5 squadre su 5 qualificate alla fase regionale. Un lavoro oculato, un traguardo importante per La Biellese?
«Questo è il nostro fiore all'occhiello, un altro risultato da incorniciare, non un traguardo ma, un punto dal quale partire. Tutto il settore giovanile sta lavorando molto bene, i risultati parlano da soli e non rimane altro che fare i complimenti a tutti. Durante questi primi mesi sono andato a vedere tante partite del settore giovanile e continuerò a farlo per tutta la stagione, perchè il ruolo del presidente è quello di essere sempre presente»




Tanta gente allo stadio per supportare la prima squadra, tanta gente in occasione dei tornei dedicati al settore giovanile e record di iscrizioni alla scuola calcio. Un buon inizio di stagione?
«Quando sono arrivato a Biella la prima cosa che ho fatto è stata quella di visionare tutti i dati relativi agli spettatori e ho trovato inammissibile che una città come Biella, con uno stadio di questa bellezza, presentasse dei numeri del genere. Mancava la materia prima, mancava una squadra in grado di attirare l'attenzione, di proporre un calcio all'altezza di questa città. Quest'anno abbiamo lavorato per allestire una squadra di ottimo livello, con l'obiettivo di fare risultati sul campo, perchè è con le vittorie che riconquisti i tifosi. Per quanto riguarda la scuola calcio è stato effettuato un ottimo lavoro. La scelta di collocare istruttori qualificati in quelle fasce di età è stata una decisione apprezzata dai genitori, un modo per i piccoli giocatori di affacciarsi al calcio nel modo giusto, divertendosi. Oggi non abbiamo ancora fatto niente, perchè siamo solo all'inizio del campionato, chiedo fiducia ai biellesi e in cambio la società offrirà il massimo impegno».