24 settembre 2018
Aggiornato 10:00

Sabato a San Giuseppe il funerale del piccolo Gabriele

Ancora da capire le origini del malore e dell'infezione che ha portato il bambino (12 anni) alla tragica morte, avvenuta all'ospedale Regina Margherita
Il piccolo Gabriele De Maria era un grande appassionato di calcio
Il piccolo Gabriele De Maria era un grande appassionato di calcio (Diario di Biella)

VIGLIANO - E' programmato per sabato mattina (ore 10) il funerale di Gabriele De Maria, 12 anni. Il piccolo è mancato martedì mattina all'ospedale Regina Margherita di Torino, dopo due interventi chirurgici che non sono bastati a salvargli la vita. Il piccolo si era sentito male nel fine settimana, quindi il ricovero al "Degli Infermi" e poi il trasferimento nel capoluogo regionale. Non ancora del tutto chiara l'origine del malore che ha colpito il piccolo, promessa del calcio nella categoria Esordienti, nel Ronco-Valdengo, e quindi poi il drammatico decesso che ha tragicamente colpito la famiglia, conosciuta e stimata in tutto il Biellese: papà Fabrizio (infermiere), la mamma Monica (commerciante) e la sorella Chiara di appena due anni più grande di lui. Il bambino infatti non ha avuto nessuna caduta o incidente di qualsiasi tipo.

LA TRAGEDIA - Certo la situazione è parsa subito drammatica ai medici, a Torino, tanto che la prima operazione è avvenuta immediatamente dopo il trasferimento in elicottero, con il servizio del 118, da Biella, nonostante l'ora tarda, per cercare di arginare le conseguenze di un'infezione che si era andata a sviluppare dopo il primo ricovero. Tecnicamente il primo intervento era andato nel migliore dei modi. E anche dopo il secondo intervento il quadro clinico del bimbo pareva, pur nella complessità, scongiurare il peggio, che invece si è materializzato alle prime luci di martedì. La salma del piccolo, domani, sarà esposta per il commiato di conoscenti e di amici negli spazi dell'impresa funebre Bonino, a Valdengo. Il funerale invece si svolgerà nella chiesa di San Giuseppe.