22 ottobre 2017
Aggiornato 11:30
Comune di Biella

Lavoravano in bar e ristoranti senza contratto, titolari multati

Operazione della Guardia di finanza, che scopre la posizione irregolare di 23 persone. Sanzioni da 1500 a 3 mila euro per i proprietari delle attività

Guardia di Finanza e lavoratori nel settore della ristorazione (© Diario di Biella)

BIELLA - E' costante è l’azione della Guardia di Finanza a contrasto di quella che ormai è considerata una vera e propria piaga sociale caratterizzata dal lavoro «nero». Recentemente sono stati ben 23 i lavoratori scovati per i quali non è stata eseguita alcuna delle comunicazioni obbligatorie agli uffici preposti e pertanto senza copertura contributiva ed assicurativa. Le attività monitorate riguardano per lo più bar e ristoranti dislocati su tutto il territorio della provincia ai cui titolari sono state contestate una serie di violazioni che comportano il pagamento di una sanzione che va da un minimo di 1.500 ad un massimo 3 mila euro.

COMUNICATO STAMPA«Un fenomeno, quello del lavoro nero, difficile da debellare e che condiziona in senso negativo la vita di numerose persone costrette a vivere in situazioni di costante precariato vedendosi negati molteplici diritti come la tutela assistenziale e previdenziale e l’impossibilità di accedere a qualsiasi forma di credito, creando altresì situazioni di concorrenza sleale in danno dei soggetti economici che operano nella legalità» si legge in una nota ufficiale del comando provinciale della Guardia di Finanza.