18 ottobre 2019
Aggiornato 17:30
Biella

Ecco come cambierà il mercato di piazza Falcone

L'assessore Stefano La Malfa ha presentato le linee del progetto: via spazi inutilizzati ma occasioni per gli "spuntisti" e bando per migliorare l'area

BIELLA - «Voglio rassicurare gli operatori ambulanti: esiste la volontà di intervento su piazza Falcone e abbiamo in mente i passaggi coi quali l'amministrazione intende procedere». Sono le parole dell’assessore al commercio Stefano La Malfa, che delinea il percorso scelto per arrivare a un ricompattamento dei banchi nel principale mercato cittadino. «L'ambito del mercato - spiega La Malfa - è molto peculiare e ricco di tante visioni su come dovrebbe essere organizzata l'area, quanti sono gli operatori, ciascuno portatore della propria legittima sensibilità e dei propri interessi. Compito dell'amministrazione è fare sintesi individuando le priorità e le modalità di intervento secondo le leggi vigenti».

FACCIA A FACCIA - Due sono le priorità condivise da consiglieri di maggioranza e minoranza nel corso delle ormai numerose riunioni di commissione dedicate all’argomento: riordinare il mercato di Piazza Falcone, eventualmente eliminando spazi inutilizzati, ma con una modalità che non escluda operatori economici attualmente presenti su piazza anche in modo non continuativo, i cosiddetti «spuntisti».
«A questo scopo - prosegue Stefano La Malfa - si comincerà dalla modifica di regolamento, che verrà proposta nel prossimo consiglio comunale del 31 ottobre, volta a includere la categoria fioristi in quella più generale del settore non alimentare; incremento delle norme volte a finalizzare controlli su lavoro nero e vendita di merce usata, come proposto da emendamenti di Pd e Lega Nord». Il secondo passo sarà il bando di miglioria aperto a chi già ha una concessione: «Consentirà loro di accedere a stalli considerati più appetibili ormai liberi sulla piazza. Lo emetteremo a novembre, mentre a dicembre pubblicheremo il bando di assegnazione rivolto agli operatori attualmente privi di concessione, così dando loro la possibilità di accedere a posto fisso».

ULTIMA FASE - Il quarto passo sarà la razionalizzazione dell'area del mercato di piazza Falcone con eliminazione degli stalli che non sono stati inseriti nel bando di miglioria. «Attualmente sono 13 - dice l’assessore - ma potranno eventualmente di numero superiore, in relazione ad esito dell’assegnazione, fino a un numero massimo di 37, come nella proposta formulata in commissione a giugno. L’ultimo passo sarà il bando per il rinnovo delle concessioni in previsione dell'entrata in vigore della direttiva europea Bolkenstein, con chiusura del percorso entro il 31 dicembre dell’anno prossimo».