17 dicembre 2017
Aggiornato 01:00
Cronaca di Vercelli

Cadavere nella valigia: è di una donna

Il macabro ritrovamento lo scorso 4 novembre, tra Alice Castello e Cavaglià. Primi risultati degli esami affidati alla super-esperta Cristina Cattaneo

La valigia ritrovata (© ANSA)

ALICE CASTELLO - È di una donna. Al giallo della valigia ritrovata in una zona di campagna di Alice Castello, poco distante da Cavaglià, tra Vercellese e Biellese, si aggiunge un indizio importante: dai primi risultati dell’autopsia, infatti, pare certo il cadavere ritrovato il 4 novembre scorso appartenga ad una donna tra i 50 e i 60 anni. Questa la prima certezza fornita dalle analisi del medico legale milanese Cristina Cattaneo. Le condizioni del cadavere, in avanzato stato di decomposizione dopo una lunga esposizione all’aperto, non permettono di saperne di più. Le indagini dei militari del Comando provinciale dei carabinieri proseguono alla luce di questa importante novità, ovviamente puntando sulla ricerca di donne scomparse in un arco di tempo che va dai 6 agli 8 mesi. Le condizioni del corpo ed il lungo tempo trascorso prima del suo ritrovamento non rendono agevole il lavoro di analisi, tanto che ancora non è chiaro se la morte sia avvenuta in modo violento o meno. La  valigia che conteneva i resti della donna è sottoposta all’esame del Ris di Parma. La valigia fu trovata da due cacciatori, che contattarono immediatamente le forze dell'ordine.

Cristina Cattaneo

Cristina Cattaneo (© ANSA)