21 ottobre 2018
Aggiornato 11:00

«Siamo rientrati in corsa per raggiungere il nostro sogno»

Ecco i commenti dopo la vittoria di ieri contro Alghero. L'orgoglio del presidente Vittorio Musso
Il punteggio di ieri contro la capolista
Il punteggio di ieri contro la capolista (Biella Rugby)

BIELLA - Dopo la vittoria di ieri contro Alghero, ora il Biella Rugby può guardare al girone di ritorno del campionato di Serie B con ottimismo. L'obiettivo promozione resta complesso, ma alla luce di quanto mostrato in via Salvo d'Acquisto ieri, alla portata di Musso e compagni. Chiare le parole di alcuni protagonisti della storica vittoria di ieri.

ALLENATORE - Andrew Douglas, head coach Edilnol Biella Rugby Club: «Mi aspettavo una bella prova con Alghero, ma non avrei mai pensato di vincere con un risultato tanto abbondante. La presenza di Aldo in campo è stata utile al gruppo soprattutto sotto l’aspetto dell’esperienza. Lui ha giocato molto bene e la sua presenza ha dato sicurezza ai ragazzi, ma entrambi concordiamo che la squadra dovrà imparare a fare da sola. Migliore in campo per me oggi, Davide Vaglio, che ha placcato e lavorato molto duramente. Anche Corrado Musso ha giocato molto bene. Mattia Marcuccetti che ha esordito da titolare, imparerà molto da questo match per il suo futuro. Da sempre sono convinto che questa squadra possa lottare per la vetta della classifica. Ho notato molti miglioramenti non solo nell’atteggiamento. In settimana dedicherò molto tempo ai placcaggi. Dobbiamo continuare ad avere fame».
 

DICHIARAZIONI - «Penso che quella di oggi sia stata una grande prova collettiva. Io ho portato un po’ di esperienza, ma ognuno dei ragazzi in campo oggi ha portato qualcosa di buono alla squadra. Dobbiamo imparare a rimanere lucidi. La mischia ha lavorato molto bene, abbiamo messo in atto parte delle cose che stiamo costruendo in allenamento poco per volta. L’azione collettiva è stata ottima».

PRESIDENTE - Vittorio Musso, presidente Brc: «Quello che ci siamo detti con Andrew e Aldo in settimana è che la squadra deve mettere a posto il cervello prima di entrare in campo. La presenza di Aldo sul campo oggi è servita come punto di riferimento per il gruppo e ha dato sicurezza ai ragazzi che così sono stati in grado di giocare per ottanta minuti senza arretrare e senza panico. Siamo rientrati in corsa per raggiungere il nostro sogno, ma sarà fondamentale rimanere con i piedi ben piantati per terra fino alla fine».