21 settembre 2018
Aggiornato 11:30

Biella e il Giorno della Memoria

Mercoledì e giovedì invece doppio appuntamento in biblioteca. E venerdì 26 gennaio sarà scoperta una lapide in vicolo del Bellone al Piazzo
Anche i bambini furono vittime dell'orrore nazista
Anche i bambini furono vittime dell'orrore nazista (Diario di Biella)

BIELLA - Anche in città ci si appresta a vivere il Giorno della Memoria, la ricorrenza che ogni anno tiene vivo il ricordo dell'Olocausto, nel giorno in cui i soldati russi entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz scoprendo tutto l'orrore della persecuzione nazista. Una persecuzione in cui fu coinvolta anche l'Italia, nell'epoca delle leggi razziali del fascismo: è in memoria delle vittime biellesi deportate in quegli anni (il più giovane, Aldo Vitale, morì nelle camere a gas di Auschwitz a undici anni) che venerdì 26 gennaio sarà scoperta una lapide in vicolo del Bellone al Piazzo, là dove ha sede la sinagoga cittadina. Alla cerimonia parteciperanno il sindaco Marco Cavicchioli, il prefetto Annunciata Gallo e la presidente della Comunità Ebraica di Vercelli, Biella, Novara e Vco Rossella Bottini Treves.

BIBLIOTECA - Sarà la Biblioteca Civica di piazza Curiel invece a ospitare una doppia conferenza riservata ai ragazzi delle scuole superiori. Simone Ghelli, laureato in filosofia magistrale con una tesi su Primo Levi, parlerà ai ragazzi dello scrittore torinese sopravvissuto alla prigionia nel lager. L'appuntamento è mercoledì 24 gennaio alle 10 e giovedì 25 gennaio alle 9. Le adesioni delle classi sono già state raccolte e i due incontri sono al completo. Durante le conferenze, dalle 9,30 alle 12 di mercoledì e dalle 8,45 alle 11,30 di giovedì, saranno sospesi il prestito e il servizio di reference alla civica.