13 novembre 2018
Aggiornato 03:30

Il calcio dei campioni fa tappa al Piazzo

Maldini e Bettega all'inaugurazione della mostra, ieri. Bagno di folla per l'esposizione che rivaluta anche la figura di Vittorio Pozzo
Paolo Maldini ed il giornalista biellese Alessandro Alciato, che lavora per Sky
Paolo Maldini ed il giornalista biellese Alessandro Alciato, che lavora per Sky (Diario di Biella)

BIELLA - Un bagno di folla ha salutato la presentazione, martedì 23 gennaio al Piazzo, della mostra Il mito del calcio, uno degli eventi di punta del progetto #calciodeicampioni. La curiosità per la presenza di grandi calciatori come Paolo Maldini, Roberto Bettega e Damiano Tommasi ha fatto il paio con quella per dare una prima occhiata ai cimeli che sono oggetto dell'esposizione, dalla collezione di maglie raccolte sui campi di tutto il mondo dall'inviato biellese di Sky Alessandro Alciato (curatore della mostra insieme al giornalista di Eco di Biella Gabriele Pinna) alle immagini in bianco e nero dell'archivio Fighera che documentano il ritiro della Nazionale tra Pollone e lo stadio La Marmora in preparazione degli Europei del 1980. Ma una buona parte della mostra è un omaggio a Vittorio Pozzo, il commissario tecnico originario di Ponderano che sulla panchina dell'Italia ha vinto due campionati del mondo e un'Olimpiade tra il 1934 e il 1938.

EVENTO - Dalla sua figura è rimasto affascinato Franco Ferraris, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e uno dei "padroni di casa" dell'iniziativa che si divide tra palazzo Gromo Losa e palazzo Ferrero in corso del Piazzo: «È un personaggio che il mondo del calcio e anche Biella hanno colpevolmente dimenticato» ha detto. «È bello riuscire a rendergli omaggio oggi con un'iniziativa che vede la luce grazie alla collaborazione di molti». Insieme a Fondazione e Comune di Biella, nell'organizzazione sono coinvolti l'associazione Stile Libero, il consorzio di imprese che gestisce palazzo Ferrero, rappresentato nella presentazione da Fabrizio Lava, e nel ruolo di sponsor principale Bonprix. Si deve proprio all'azienda con sede a Valdengo una delle iniziative legate a #calciodeicampioni: cinque palloni bianchi saranno autografati dai calciatori e allenatori che si alterneranno a Biella nel periodo della manifestazione e poi messi all'asta per beneficenza. Hanno già confermato la loro presenza per interventi nelle scuole Carlo Ancelotti, ex tecnico di Milan e Bayern Monaco, e gli attaccanti di Genoa e Lazio Giuseppe Rossi e Ciro Immobile. «Ne arriveranno altri» ha detto Alessandro Alciato. «Li sveleremo man mano».

IL SINDACO - Il sindaco Marco Cavicchioli ha salutato con una battuta i campioni presenti giocando con il tifo e in particolare con la sua fede rossonera: «Sono particolarmente felice di vedere qui in città Roberto Bettega e Paolo Maldini, simboli delle due squadre più titolate del nostro calcio, una in Italia e l'altra in Europa e nel mondo». Poi si è concentrato sull'attesa per l'altro evento che porterà a Biella il grande calcio, questa volta giocato, la sfida tra le Nazionali Under 18 di Italia e Olanda, in calendario venerdì 23 marzo: «I grandi appassionati di pallone, e io sono un fanatico, amano scoprire talenti» ha detto. «Chissà che non ci capiti di vedere al La Marmora-Pozzo qualcuno dei titolari dei Mondiali del 2022».

LA MOSTRA - La mostra aprirà al pubblico nelle due sedi di palazzo Ferrero e palazzo Gromo Losa da venerdì 26 gennaio fino a domenica 8 aprile. Sarà visitabile il venerdì dalle 15 alle 19 e nei weekend dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il biglietto costa 5 euro intero e 4 euro ridotto. Gli under 16, per precisa scelta degli organizzatori, entrano gratis.

Da sinistra: Alciato, Pinna, Lava, Ferraris e Cavicchioli

Da sinistra: Alciato, Pinna, Lava, Ferraris e Cavicchioli (© Diario di Biella)