21 settembre 2018
Aggiornato 06:30

Polizia: bloccate e identificate sei "lucciole"

Una di loro era sprovvista di documenti e a breve sarà rimpatriata
All'operazione hanno partecipato i poliziotti dell'anti-crimine di Torino
All'operazione hanno partecipato i poliziotti dell'anti-crimine di Torino (Diario di Biella)

BIELLA - Nuovo servizio ieri, mercoledì 24 gennaio, nel Biellese, per gli agenti del Reparto prevenzione crimine di Torino. Un'iniziativa fortemente voluta, a scadenza settimanale, dall'attuale Questore, Nicola Parisi, con l'intento di rendere sicuro l'intero territorio. In questa occasione, l'attività, svolta con i colleghi locali, era finalizzata a reprime la prostituzione in strada. Un fenomeno sempre più diffuso, in provincia, tanto da preoccupare diversi sindaci. In questa occasione, sono state fermate e controllate, tra Massazza e il Crocicchio, sei "lucciole" di origini sub sahariane. Una di loro, di 24 anni, nigeriana, è stata trovata sprovvista di permesso di soggiorno e altri documenti, ed è stata già accompagnata al Centro di permanenza per il rimpatrio di Roma. Sulle altre cinque donne, che risiederebbero nel Biellese, sono attualmente in corso accertamenti.