18 giugno 2018
Aggiornato 21:00
Cronaca | Biella

Gli avvocati tornano a incrociare le braccia

L'astensione, prevista per il 13 e 14 marzo, è voluta dall'Unione camere penali

Il tribunale biellese (© Diario di Biella)

BIELLA - Gli avvocati penalisti italiani, Biella compresa, si asterranno il 13 e il 14 marzo dalle udienze. Motivo: la riforma dell'ordinamento penitenziario rischia di saltare. A darne notizia, per la città, è Giorgio Triban, al vertici dell'Unione camere penali Fernando Bello. In una nota stampa, inviata ai giornali, scrive: " ben 200 giuristi hanno partecipato a un lavoro che non va vanificato. Quindi l'astensione va contro una politica che calpesta i diritti fondamentali dei detenuti, negando i principi della Costituzione e i Trattati internazionali». L'Unione camere penali è da sempre in prima linea in merito alle problematiche che, da tempo, affliggono il pianeta giustizia. Per quello che riguarda l'astensione prevista per martedì e mercoledì, come sempre verranno garantite le udienze che vedono imputati detenuti.