24 aprile 2018
Aggiornato 04:30
Cronaca dal Biellese

Cerrione: depredato l'impianto fotovoltaico

I ladri sono andati a colpo sicuro. Conoscevano l'esatta collocazione dell'oro rosso

Carabinieri (© Diario di Biella)

CERRIONE - C'è sicuramente un basista dietro al colpo messo a segno, nelle ultime ore, all'impianto fotovoltaico di Cerrione. Ignoti hanno fatto irruzione nella piattaforma e hanno sottratto tutto il rame che si trovava, celato, nel sottosuolo. "I carabinieri sono intervenuti questa notte - spiega il sindaco Anna Maria Zerbola -. Un calo di tensione, però, era già stato segnalato sabato. Sono andati a colpo sicuro, perchè i tombini con i cavi in rame erano nascosti sotto alla ghiaia. Adesso sul posto sono presenti i tecnici, per cercare di risolvere il problema». E dai primi rilievi effettuati dai militari dell'Arma, i ladri si sarebbero introdotti tagliando la recinzione. Nessuno, in zona, si sarebbe accorto di nulla. Nessuno, tranne le videocamere di sorveglianza, i cui fotogrammi sono ora al vaglio degli investigatori. Qualcuno però sapeva ed era a conoscenza dell'esatta collocazione dell'oro rosso, come viene chiamato, altrimenti sarebbe stato impossibile agire così velocemente.