Cronaca | Cronaca dal Biellese

Delitto Preti: si va alla perizia psichiatrica

È stata disposta dal gup di Nuoro nei confronti dell'omicida Dimitri Fricano

Tribunale di Biella ed il luogo del delitto, in Sardegna
Tribunale di Biella ed il luogo del delitto, in Sardegna (Diario di Biella)

BIELLA - Perizia psichiatrica. È questo il verdetto emesso oggi, lunedì 19 marzo, dal gup di Nuoro nei confronti di Demetri Fricano, il biellese 30enne che lo scorso giugno, in Sardegna, uccise la fidanzata Erika Preti. Nel corso della prima udienza, con rito abbreviato, che lo vede reo confesso del delitto, i difensori hanno sollevato diverse eccezioni, in un procedimento che vede il loro assistito accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà e simulazione di reato. Crudeltà, perchè se quanto emerso fosse vero, Dimitri, al culmine di un litigio, avrebbe colpito violentemente Erika, che avrebbe cercato di fuggire. Afferrata per i capelli, e giocche i Ris ne avrebbero trovate ovunque nell'alloggio, l'avrebbe poi finita con una coltellata alla gola. Ma non basta. Nella sua mente contorta anche la finzione di un'aggressione a opera di altri, che già dalle prime battute non aveva convinto nessuno. Poi la confessione, a distanza di settimane. E di Erika resterà per sempre il ricordo, che Pralungo ha voluto farle, di un parco per bambini.