Cronaca | Economia

Imprese e territorio, segnali di ripresa

I dati dell'ente camerale fotografano l'andamento del quarto trimestre del 2017, l'analisi confindustriale raccoglie le previsioni degli imprenditori per il primo trimestre del 2018

Camera di Commercio e Uib
Camera di Commercio e Uib (Diario di Biella)

BIELLA - Camera di Commercio, Unione Industriale Biellese e Confindustria Vercelli Valsesia diffondono insieme i risultati delle rispettive indagini, con l’obiettivo di monitorare l’andamento della congiuntura nelle province di Biella e Vercelli. Mentre i dati dell'ente camerale fotografano l'andamento del quarto trimestre del 2017, l'analisi confindustriale raccoglie le previsioni degli imprenditori per il primo trimestre del 2018.

LE PAROLE - «L'andamento congiunturale di questo quarto trimestre 2017, ha seguito le dinamiche nazionali, dove l’effetto traino del manifatturiero è stato favorito dalle esportazioni, in presenza di un lieve calo dei consumi interni. Il dato è positivo in entrambe le realtà, superiore per Biella alla dinamica regionale (+3,9% il dato medio piemontese), penalizzato sul versante vercellese dal momento più opaco di alcuni settori. Le previsioni degli operatori per il futuro rimangono caute, nel complesso improntate alla stazionarietà, anche se la fondamentale domanda dal mercato estero pare rimanere ancora positiva - dichiara Alessandro Ciccioni, Presidente della Camera di Commercio di Biella e Vercelli -. La ripresa continua ad interessare maggiormente i comparti della meccanica, non a caso la performance biellese è legata a questo settore, che anche in provincia di Vercelli si è distinto. Il tessile-abbigliamento in entrambe le province evidenzia ancora il momento interlocutorio in alcuni dei suoi comparti».

UIB - Il vice presidente dell'Unione Industriale Biellese con delega all'Economia d'Impresa, Emanuele Scribanti, commenta: «Il percorso verso la ripresa si sta consolidando. Questo cauto ottimismo viene confermato dai principali indicatori economici, in primis le buone performance delle esportazioni, che rappresentano la linfa vitale per l’economia del distretto biellese. All’orizzonte, però, le variabili sono ancora molte, fra cui il cambio di tendenza della politica monetaria europea. In questo senso il supporto della leva del credito nell’impegno delle imprese verso la risalita è e continuerà ed essere fondamentale».

NUMERI - Nel quarto trimestre del 2017 il sistema manifatturiero biellese registra una crescita della produzione industriale in tutti i comparti, con marcate differenze settoriali. Nel periodo ottobre – dicembre 2017, la variazione tendenziale grezza della produzione industriale rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente è stata pari a +4,7 punti percentuali, risultato superiore a quello registrato a livello regionale (+3,9%). La crescita della produzione manifatturiera biellese è il risultato di andamenti positivi, seppure non uniformi, tra i diversi settori ed in pratica trainata dal buon momento della filatura (+10,9%), della meccanica (+10,7%), seguita dall'aumento registrato dal finissaggio (+4,3%) e dalle altre industrie manifatturiere (+3,4%). Più contenuta la performance delle altre industrie tessili (+1,3%), in sostanziale stabilità la tessitura (+0,6%). Risultano in aumento gli ordinativi provenienti dal mercato estero (+6,0%) e registra un risultato positivo anche l'andamento della domanda interna (+4,5%). Il fatturato totale cresce (+5,6%), mentre quello estero si attesta al +1,2%.