24 aprile 2018
Aggiornato 14:30
Biella

"BonaHack", gli studenti del Bona alla maratona digitale

Trentotto alunni verranno suddivisi in sei squadre e lavoreranno  on line e off line sino al mattino del 6 aprile quando i progetti verranno presentati

Il "Bona" è una scuola all'avanguardia (© Diario di Biella)

BIELLA - Il 5 e 6 aprile prende il via al santuario di Oropa il secondo "BonaHack", nell’ambito di un progetto più ampio del Miur che coinvolge l’istituto Bona come scuola pilota del Piano Nazionale Scuola Digitale, insieme ad altri ventidue istituti italiani.

SFIDA - "YOUTH4BI": gli studenti protagonisti del loro territorio è il titolo dell’hackathon al quale parteciperanno una selezione di alunni delle classi terze e quarte dell’Istituto. Questo è finalizzato all’elaborazione di idee progettuali (innovative, realizzabili, sostenibili, replicabili, trasferibili, fertili) al fine di rendere la Città di Biella più attraente e inclusiva per i giovani, residenti e non residenti.

OGGI - Il mattino del 5 aprile, trentotto alunni verranno suddivisi in sei squadre, assistite ognuna da un mentor ovvero un allievo che ha partecipato alle precedenti edizioni degli hackathon nazionali, e lavoreranno  on line e off line sino al mattino del 6 aprile quando i progetti verranno presentati, nell’Aula Magna del Bona, a una Giuria selezionata composta da Teresa Barresi – Comune di Biella, Massimo Pollifroni –Università degli Studi di Torino, Andrea Quaregna - Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Paolo Schellino - Biella Accoglie, Roberto Melis - Fondazione Pistoletto Cittadellarte, Luca Biasetti – Better Places APS/Spazio Hydro, Marco Liore - Contato del Canavese, Luisa Bocchietto - 015Biella. La giuria valuterà l’originalità, la coerenza e la fattibilità dei sei progetti presentati, individuando il progetto vincitore, e come in ogni gara i sei ragazzi vincitori riceveranno un premio che consisterà in un biglietto ciascuno per il concerto di Giovanni Allevi  del 18 aprile prossimo a Biella messi a disposizione dal Contato del Canavese. 

LA SCUOLA - L’istituto Bona, come Scuola Polo PNSD, avrà la funzione di acceleration lab, progettando e realizzando una serie di attività per unire innovazione e tecnologia digitale ad una nuova cultura della sostenibilità. La prima iniziativa sarà il Premio Scuola Digitale, che verrà attivato in primavera a livello interprovinciale, e l’evento Local PNSD, un evento - complesso, multidisciplinare, diffuso sul territorio della Città di Biella che si svolgerà il 29, 30 e 31 2018 con il coinvolgimento degli studenti degli istituti superiori della provincia biellese – intitolato #tesserebellezza.

MARATONA - L’hackathon è una gara a squadre, della durata di uno o più giorni, dedicata allo sviluppo di un progetto comune attraverso una collaborazione intensiva e ininterrotta tra i componenti della squadra. Nasce in ambito informatico, ma oggi è applicata in ogni campo per svariate finalità. Perché l’hackathon? Perchè si sta rivelando uno strumento didattico innovativo perché insegna a lavorare in team, a parlare in pubblico, ad esaltare potenzialità e attitudini, a divertirsi ed entusiasmarsi; è uno strumento che il Miur, nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, ha promosso a livello nazionale e ora, a partire dall’autunno 2018, anche a livello locale. BonaHack è un progetto avviato dall’Istituto Eugenio Bona di Biella nel 2017 in concomitanza della quinta edizione di BonaUp!, la giornata dedicata ogni anno all’incontro tra imprese e alunni del triennio. La prima edizione del BonaHack è stata realizzata grazie alla partnership con la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, ha avuto inizio il 2 novembre 2017 presso il Palazzo Gromo Losa di Biella Piazzo ed è stata finalizzata a selezionare un’idea per una mostra di arte contemporanea «Così come siamo. Un mondo imperfetto ma pieno di bellezza» attualmente in svolgimento presso lo Spazio Cultura della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella fino al 18 aprile.