"Salute in Cammino" fa tappa a Massazza

Il progetto, voluto dal Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria locale di Biella

Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro (Diario di Biella)

MASSAZZA - Continua a crescere nel Biellese l’attenzione alla salute e alla qualità della vita. Sabato scorso è toccato al Comune il compito di presentare i percorsi di "Salute in Cammino", "10.000 passi per stare bene». Il progetto, voluto dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria locale di Biella, è ormai presente in una ventina di comuni biellesi e altri si stanno attivando, anche in provincia di Vercelli e Novara.

SPIRITO - L’obiettivo è quello di stimolare i cittadini, in particolare i più sedentari, a praticare l’attività fisica attraverso il cammino, considerato il modo più naturale, semplice ed economico per migliorare, ad ogni età, la salute del corpo e della mente. Come ha ben spiegato il dottor Giuseppe Graziola nell’affollata presentazione al salone polivalente, camminare riduce la pressione arteriosa, migliora il tono dell’umore e la salute del cuore, regolarizza il colesterolo, oltre a rinforzare muscoli e ossa. Ma, come avvertono continuamente gli specialisti, questo tipo di attività fisica è fondamentale per prevenire le malattie croniche, tipo l’Alzheimer, riduce il rischio di tumori. Per questo nei Comuni che hanno aderito al progetto sono stati predisposti dei percorsi della «scuola di cammino» dove ogni persona può «imparare a camminare» nel modo più adatto al proprio fisico, cioè con quell’andatura a passo svelto giudicata la più efficace per «guadagnare salute», cioè ottenere il massimo beneficio.

IN PAESE - A Massazza sono stati segnalati due percorsi, quello giallo da 750 metri e quello rosso di 4 km, chiamato «cammino delle risaie» in quanto compie un anello che passa tra i campi che i questi giorni si stanno riempiendo con l’acqua. La partenza e l’arrivo dei cammini si trovano nei pressi della piazza centrale del paese. Dopo il saluto del sindaco Carmellino e la presentazione del dottor Graziola, una sessantina di persone hanno camminato nel percorso giallo, seguendo le indicazioni tecniche e provando a mettere in pratica le nozioni che avevano ascoltato. La speranza dell’amministrazione comunale è che molte persone, in particolare coloro che sono meno attivi dal punto di vista fisico o che svolgono lavori sedentari, possano usufruire di questa opportunità gratuita e a disposizione di tutti per migliorare il proprio benessere.

TERRITORIO - Nel Biellese, i percorsi di Salute in Cammino non sono solo una palestra all’aria aperta, ma sono anche delle belle vetrine di presentazione dei nostri comuni. Sono realizzati in luoghi piacevoli, alcuni nel contesto urbano, come il percorso di Biella attorno allo stadio e di Vigliano e Cossato, ma la maggior parte in aree naturali o di grande suggestione, come sul lungolago di Viverone, sulla Passeggiata degli Alpini a Candelo e nel parco di Villa Piazzo a Pettinengo.

Il progetto ha fatto tappa a Mazzata

Il progetto ha fatto tappa a Mazzata (© Diario di Biella)