19 settembre 2018
Aggiornato 18:30

Ospedale, c'è un nuovo direttore di pediatria

Paolo Manzoni è il nuovo direttore della pediatria dell'Asl di Biella, nominato ieri dopo aver superato il concorso
Il dottor Paolo Manzoni
Il dottor Paolo Manzoni (Azienda sanitaria locale)

BIELLA - Paolo Manzoni è il nuovo direttore della pediatria dell'Asl di Biella. È stato nominato ieri dopo aver superato il concorso. Classe 1963, specialista in pediatria e neonatologia, proviene dalla struttura di neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell'Ospedale S. Anna di Torino dove ha iniziato a lavorare nel 1994. 10.500 neonati e lattanti visitati, gestiti, trattati, di cui circa 1700 con patologie particolari. Oltre 1650 interventi di rianimazione in sala parto o operatoria. È, infatti, significativa l'esperienza acquisita anche sul fronte della gestione del neonato critico, con svariate centinaia di manovre invasive/ chirurgiche di emergenza su neonati critici. Notevole l'impegno sul fronte universitario e della ricerca: In possesso di abilitazione scientifica nazionale per professore universitario associato di pediatria dal 2014 e ordinario dal 2017 con un'alta professionalità acquisita nel campo della ricerca infettivologica in neonatologia. Nel suo curriculum più di 200 pubblicazioni sulle più prestigiose riviste internazionali americane e inglesi, è coordinatore di molti progetti di ricerca finanziati dalla Comunità europea e da Enti di Ricerca internazionali. 

LE PAROLE - «Ho deciso con estrema convinzione - afferma il direttore generale dell'Azienda sanitaria locale, Gianni Bonelli -  di recepire integralmente la valutazione effettuata dalla Commissione tecnica, nominando il candidato con il punteggio più elevato. Il dottor Paolo Manzoni è un neonatologo di fama internazionale, che risponde pienamente al profilo tipo di Primari che stiamo cercando: professionisti in grado di far crescere la reputazione della Struttura consentendo all’Ospedale di Biella di riposizionarsi su livelli di assoluta eccellenza clinica nell’ambito regionale. Professionisti che possano essere da stimolo per i propri collaboratori e per i colleghi per favorire un continuo sviluppo e aggiornamento del proprio bagaglio scientifico e professionale. L’abilitazione posseduta dal dott. Manzoni come professore di prima fascia, riconosciuta da una Commissione a livello nazionale, può consentire in futuro prospettive di sviluppo, anche nell'ambito della collaborazione con l’Università".