17 agosto 2018
Aggiornato 18:30

«Facciamo scuola insieme», successo per il progetto educativo del Comune di Biella

19 tutor volontari per 38 bambini e ragazzi, per un totale di 25 appuntamenti settimanali. Un progetto in crescita a supporto delle famiglie
«Facciamo scuola insieme», il progetto educativo del Comune di Biella
«Facciamo scuola insieme», il progetto educativo del Comune di Biella (Comune di Biella)

BIELLA - Diciannove volontari, trentotto bambini e ragazzi seguiti, 25 appuntamenti settimanali da due ore ciascuno: sono questi i numeri – in crescita – della terza edizione del progetto «Facciamo scuola insieme», gestito dall'équipe educativa del Servizio Sociale e chiusosi alla fine di maggio.

I volontari
L'avvio del progetto, come gli anni scorsi, è avvenuto tramite il bando comunale di ricerca dei volontari e la successiva selezione degli stessi tramite colloqui. La collaborazione con le scuole superiori del territorio ha inoltre permesso di inserire alcuni ragazzi in alternanza scuola-lavoro. Ciascuno di loro ha dato la sua disponibilità per diventare tutor e sostegno per affrontare gli impegni scolastici di uno o più minori, segnalati dalle assistenti sociali e dagli educatori. Tre sono state le sedi differenti per gli incontri (Villa Schneider, scuola media di Chiavazza, Casa di Giorno del Villaggio La Marmora) nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì, per un totale di sei momenti a settimana. Inoltre da quest'anno, la presenza di due volontarie del servizio civile in forza al Servizio Sociale ha permesso di accogliere più minori garantendo una presenza costante nelle sedi di attuazione del progetto oltre alla possibilità di gestire il trasporto di alcuni bambini. Anche gli educatori del Servizio Sociale hanno dedicato le loro ore lavoro al progetto, sia come coordinamento, sia come presenza.

Qualche numero
In questo modo il numero dei minori seguiti è cresciuto: sono stati 38, a ciascuno dei quali sono state offerte circa due ore settimanali per circa 25 appuntamenti nel corso dell'anno. Erano 17 i bambini provenienti dalla scuola medie e 21 dalla scuola elementare, raddoppiati rispetto allo scorso anno e per questo organizzati in piccoli gruppi a seconda della classe frequentata. «Il lavoro di gruppo non è stato un limite - spieganp gli operatori - ma uno stimolo reciproco che ha dato buoni frutti in termini di motivazione allo studio, di responsabilità rispetto agli impegni scolastici e di capacità espressiva»«Sono soddisfatta dei buoni risultati di questo progetto - sottolinea Francesca Salivotti, assessore ai servizi sociali - Il confronto con le scuole e con le famiglie ha sottolineato l'importanza e la ricaduta positiva di un lavoro che ha sempre più una valenza preventiva. Bambini e ragazzi rinforzano le loro competenze e possono accedere a gratificazioni che consentono loro affrontare il percorso scolastico con una motivazione più solida e con un maggiore bagaglio di strumenti».