18 giugno 2018
Aggiornato 01:30
Eventi & Cultura | Arte e territorio

Il Biellese si presenta a Berlino con Michelangelo Pistoletto

Una mostra che accanto alle opere del Maestro mostra il nostro territorio in continua trasformazione. Un'occasione speciale per portare la biellesità al di fuori dei confini nazionali

Il Biellese a Berlino con Michelangelo Pistoletto (© Atl Ufficio Stampa)

BIELLA - Venerdì 1 giugno si è tenuta l’inaugurazione della mostra «Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte Riverberi e rispecchiamenti» presso l’Istituto Italiano di Cultura, Berlino. L’evento, che si colloca all’interno del progetto «Dedika 2018» promosso dall’Istituto Italiano di Cultura all’interno dell’Ambasciata Italiana, è stata un’importante vetrina per il territorio biellese che si è presentato a fianco del Maestro attraverso un racconto che descrive un luogo in trasformazione.

La mostra
Nella mostra, accanto alle opere di Pistoletto il visitatore trova una serie di pannelli che narrano il territorio: industria tessile (story telling e competenze), archivi industriali, sostenibilità (imprese, economia circolare, responsabilità delle persone e natura), agroalimentare, arte cultura e spiritualità, paesaggio e borghi, la città di Biella, outdoor, oltre a video che illustrano il territorio attraverso suggestive immagini e brochure che descrivono i principali attrattori turistici.

Una collaborazione fra realtà del territorio
La presenza biellese a Berlino vuole narrare la trasformazione in atto da distretto industriale tessile ad «Ecosistema Biellese» con una particolare attenzione al tema della sostenibilità. Infatti la sostenibilità ambientale, economica e sociale è stato il fulcro della collaborazione tra Cittadellarte, gli Enti locali, l’Uib ed Atl ed i Consorzi Turistici Biella Accoglie e Alpi Biellesi. E’ stata un’azione corale che ha manifestato il legame tra Cittadellarte ed il Biellese, illustrando le varie iniziative che nel corso degli anni, dalla nascita della Fondazione fino ad oggi, si sono sviluppate in sinergia. Michelangelo Pistoletto è ancora una volta ambasciatore del territorio e grazie alla sua presenza a Berlino il Biellese gode di un’importante vetrina per l’intera estate. La mostra, inaugurata il 1 giugno, è aperta al pubblico fino al 29 settembre e per l’intera durata i visitatori scopriranno il Biellese oltre che le opere di Pistoletto e Cittadellarte.

L'inaugurazione con i prodotti del territorio
Il ricevimento inaugurale svoltosi all’Istituto Italiano di Cultura è risultato l’occasione ideale per presentarsi al pubblico tedesco con le specialità enogastronomiche del territorio. Anche in questo caso, grazie ad un coordinamento dello Chef Ivan Ramella della Croce Bianca di Oropa, c’è stato un importante lavoro di squadra tra chef biellesi con un menù, interamente a base di prodotti locali, elaborato in collaborazione con i ristoranti: Il Patio, Il Faggio, Santo Stefano SPA Relais ed il Talucco. La partecipazione del territorio è stata resa possibile grazie ad un contributo della Città di Biella, della Provincia di Biella e della Camera di Commercio di Biella e Vercelli ed un lavoro di coordinamento di Atl Biella in seno al Tavolo Turismo e Cultura di Uib. «In veste di presidente della sezione Turismo e Cultura di UIB sono particolarmente soddisfatta per la squadra che si è costituita intorno a Michelangelo Pistoletto in occasione della sua presentazione a Berlino – afferma Laura Zegna - Fin dall’inizio nell’imbastire i contenuti dell’evento, insieme alla sezione Alimentari di UIB, alla CCIIA, ad ATL Biella, alla Provincia ed al comune di Biella, abbiamo lavorato su una presentazione globale del nostro territorio. Infatti all’interno della mostra sono stati inseriti dei pannelli esplicativi per dare la completezza delle sfaccettature del Biellese. La mia convinzione è che si deve proseguire su questa strada, unendo le forze per essere più incisivi. Inoltre il buffet biellese preparato dai nostri Chef con le ricette tipiche e l’utilizzo dei prodotti locali è stato il giusto corollario alla serata, quale 'gustoso' ambasciatore della nostra cultura. Siamo in attesa di ricevere da IIC la relazione sui feedback della serata per far fruttare al meglio l’importante vetrina su Berlino creataci da Michelangelo Pistoletto». Dal canto suo, l'Assessore alla Cultura e Turismo della Città di Biella, Teresa Barresi commenta così: «Sono davvero lieta di poter dire che la collaborazione tra le istituzioni pubbliche e private presenti sul territorio ha consentito di realizzare un progetto in grado di portare Biella ed il Biellese all'attenzione di un pubblico internazionale. E' stata colta in modo lungimirante la straordinaria opportunità offerta dalla mostra sul Maestro Pistoletto. Sono convinta che questo modo di operare debba diventare una prassi costante da seguire anche in futuro, sempre al fine di valorizzare il nostro bel territorio con tutte le sue peculiarità. Un ringraziamento va anche ai ristoratori e agli chef biellesi che ci hanno cosi ben rappresentato in occasione del ricevimento inaugurale».