18 giugno 2018
Aggiornato 07:30

Moglie picchiata da marito violento: i vicini chiamano la polizia e la salvano

Quando gli agenti sono intervenuti, nel cuore della notte, la donna aveva chiari segni di percosse sul viso: per questo motivo è stata portata in Pronto Soccorso

Moglie picchiata da marito violento: i vicini chiamano la polizia e la salvano (© )

BIELLA - Accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni, nei confronti della moglie, un giovane extracomunitario, residente nel Biellese,  è finito agli arresti domiciliari. A bloccarlo, al culmine dell'ennesimo litigio, avvenuto davanti ai figli di pochi anni, ci hanno pensato gli agenti di una Volante. La richiesta di intervento era partita, nel cuore della notte, dai vicini di casa, preoccupati per la piega che il diverbio tra i coniugi stava prendendo. E infatti, quando i poliziotti hanno bussato alla porta dell'abitazione, la donna che ha aperto mostrava chiari segni di percosse sul viso. Come spesso accade in queste situazioni, purtroppo, ha cercato di negare l'evidenza, per poi crollare, raccontare degli abusi subiti e farsi accompagnare al Pronto soccorso dell'Ospedale di Ponderano. Ora, insieme ai piccoli, si trova in un centro antiviolenza. L'uomo, dopo aver trascorso un paio di notti in carcere, è rientrato a casa.