15 novembre 2018
Aggiornato 16:15

Grave incidente a Sandigliano, inutili i soccorsi: l'uomo è morto sul colpo 

Dai primi riscontri sembra che, dopo aver impattato contro un'auto, l'uomo sia stato sbalzato di sella e sia finito contro il muro di un'abitazione.
Grave incidente a Sandigliano
Grave incidente a Sandigliano (Carabinieri)

SANDIGLIANO - Un motociclista, di cui non sono ancora state rese note le generalità, è morto pochi minuti fa in uno schianto avvenuto in via Gramsci, a Sandigliano. Dai primi riscontri sembra che, dopo aver impattato contro un'auto, l'uomo sia stato sbalzato di sella e sia finito contro il muro di un'abitazione. Immediati i soccorsi. Purtroppo, all'arrivo dell'èquipe medica del 118, per il centauro non c'era più nulla da fare. I rilievi sulle cause dell'incidente sono stati effettuati dai carabinieri. Seguiranno aggiornamenti.

AGGIORNAMENTO 19.00 - Ci potrebbe essere un tamponamento all'origine dello schianto mortale avvenuto oggi pomeriggio, lunedì 18 giugno, a Sandigliano, e costato la vita a un centauro di 55 anni. L'uomo, residente in via Santuario di Oropa, a Biella, si è scontrato in via Gramsci con la vettura condotta da una donna di Cavaglià, di 32 anni, su cui si trovavano anche i due figli. Per il motociclista, sbalzato di sella, non c'è stato nulla da fare. Lievemente feriti gli occupanti della vettura, che sono dovuti ricorrere alle cure del Pronto soccorso di Ponderano. Soltanto domani si saprà qualcosa di più certo sulla dinamica dello schianto.

AGGIORNAMENTO -  La frazione di Cossila, a Biella, è in lutto per la tragica scomparsa avvenuta ieri, lunedì 18 giugno, di Massimo Coda Forno, il centauro 55enne rimasto coinvolto in un drammatico incidente stradale a Sandigliano. L'uomo, per qualche tempo, aveva vissuto in Valle d'Aosta, per poi rientrare in provincia. Intanto emergono nuovi particolari sullo schianto fatale, avvenuto a metà pomeriggio. Massimo Coda Forno, diretto verso Biella, in sella a una moto di grossa cilindrata sarebbe stato impegnato in un sorpasso, lungo via Gramsci, a Sandigliano, quando nel tentativo di rientrare nella corsia di marcia, si è trovato davanti un'utilitaria con a bordo una donna e due bambini, che stava svoltando. L'impatto, malgrado la frenata, è stato terribile. Il centauro è stato sbalzato di sella ed è finito contro un muro, morendo sul colpo. L'automobilista e i piccoli, seppure illesi, sono stati comunque trasportati dal 118 all'ospedale di Ponderano per accertamenti. Ora si attende che venga fissata la data delle esequie del 55enne, sempre che la Procura non chieda che venga eseguita l'autopsia.