26 settembre 2018
Aggiornato 07:00

Infanzia di Pavignano: i genitori raccontano una piccola realtà «da favola»

Un angolo di mondo tranquillo felice e ricco di esperienze formative per i più piccoli ecco come le famiglie hanno voluto ringraziare struttura e personale
Infanzia di Pavignano: i genitori raccontano una piccola realtà «da favola»
Infanzia di Pavignano: i genitori raccontano una piccola realtà «da favola» (Shutterstock.com)

BIELLA – Riceviamo e pubblichiamo: esiste, in un mondo non lontano (a pochi minuti dal centro di Biella), un universo magico e colorato dove i bambini (dai tre ai sei anni,) entrano, esplorano, sperimentano, giocano, imparano, in un clima di totale armonia, scambio reciproco e preziosa condivisione. Condivisione di affetti, di valori, di piccole (ma grandissime) esperienze quotidiane che, noi adulti, a volte fatichiamo a riconoscere e a ripetere

Imparare insieme agli altri
Esiste, in questo mondo non lontano, la consapevole certezza che, solo insieme con gli altri, possiamo confrontarci ed imparare qualcosa ogni giorno, curiosi degli altri e del mondo che ci circonda, in un quotidiano mettersi in gioco, con la grazia del gioco e con la voglia di scoprire. Questo mondo, per noi famiglie privilegiate, è la Scuola per l'Infanzia di Pavignano. E' il magico regno dove, ogni mattina e da anni, accompagniamo i nostri figli, il nostro bene più prezioso. E' il posto dove, dopo una giornata lunga e intensa, grazie anche al servizio doposcuola, possiamo riabbracciare i nostri piccoli, che non vedono l'ora di raccontarci quanto vissuto fino a sera.

Le attività didattiche
In questi mesi, grazie all'impagabile impegno delle nostre maestre, di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta. Riassumendo per punti, vogliamo segnalare le preziose attività didattiche, che i nostri figli hanno vissuto: il Progetto Psicomotricità: un percorso articolato, finalizzato alla crescita motoria, cognitiva e affettivo-relazionale dei nostri bimbi. Rispettoso del momento evolutivo di ogni bambino, ha contribuito a facilitare la presa di coscienza di ognuno, nella scoperta del proprio corpo, dello spazio, del tempo, nella relazione con se stessi, con gli altri e con gli oggetti. Un progetto vasto e significativo, condotto in collaborazione con Domus Laetitiae e con la psicomotricista Federica Gubernati; il «progetto Emozioni», svolto in continuità con la Scuola Primaria: un percorso educativodidattico che, partendo dal mondo della fiaba, ha fatto emergere, comprendere e descrivere la propria vita interiore, i sentimenti e le emozioni, imparando gradualmente a gestirle nelle varie situazioni della vita. Sempre e costantemente, in una dimensione di condivisione, reciprocità, ascolto, sperimentazione e racconto di sé. Un progetto fondamentale, orchestrato dalle nostre Maestre, in collaborazione con l'Associazione Underground e con la magica e poliedrica professionalità di Simone Cantono, protagonista con i nostri piccoli attori della recita di fine anno.

Il territorio e l'affettività
il progetto «Pavignam.... che orto», attività pratica ed interdisciplinare, che da due anni insegna a conoscere a piccoli e grandi il proprio territorio, il funzionamento di una comunità, l'importanza dei beni collettivi e dei saperi altrui. Piccole mani hanno vangato, seminato, curato, raccolto verdure e piccoli frutti, consumati insieme nella mensa della Scuola. Un fantastico progetto di «imparare facendo», reso possibile anche dalla collaborazione di alcune aziende locali, come Mondin Imo & Figli, Fratelli Boscaro, Centro Piante Scarlatta e Asl-Bi; il progetto «La regola del qui non si tocca», promosso da «Paviol – Percorsi antiviolenza», importantissimo percorso di educazione affettivo-sessuale e di prevenzione dell'abuso infantile. Seguendo le linee guide del Consiglio Europeo, i bambini di 5 anni hanno intrapreso un percorso finalizzato alla conoscenza e al rispetto del proprio corpo e di quello altrui; per riconoscere e descrivere eventuali situazioni di disagio nella relazione con gli adulti, individuando in genitori e/o insegnanti figure di riferimento

Il pigiama party e le passeggiate
La magica, mitica «Notte a scuola in pigiamino», dove i bimbi dei «Blu» (quelli di 5 anni) hanno partecipato al loro primo Pigiama-party, fatto di pizza, gelato, anguria, giochi, fiabe e 'nanna... per molti di loro, la prima notte fuori casa, condivisa con gli amici di ogni giorno e... addolcita dalle coccole delle Maestre; le tante passeggiate, con mille piccole magie da scoprire tra boschi e sentieri del circondario; le visite agli asinelli, il Parco di Regione Croce a Chiavazza, le attività a Biella in Ludoteca e al Museo del Territorio.

I ringraziamenti
Giunti al termine dell'anno scolastico, desideriamo ricordare e ringraziare chi, sempre in silenzio e solo per ammirevole convinzione, tanto ha fatto per le nostre Famiglie. Abbiamo vissuto un inverno non facile, reso un po' più grigio dal temporaneo trasloco forzato di due mesi dalla struttura, dovuto a ripetuti problemi all'impianto di riscaldamento; ciononostante, noi genitori siamo felici di ricordare l'impegno collettivo delle maestre e delle collaboratrici, che nulla hanno tolto (semmai aggiunto, con la loro disponibilità ed umanità), ad una situazione momentaneamente precaria. Così come, ci piace ricordare l'entusiasta e commovente impegno di tante piccole manine, che hanno contribuito a spostare e riposizionare con cura il prezioso materiale didattico (totalmente auto-prodotto) della Scuola.

Le famiglie e tutti coloro le hanno aiutate
Attorno a questo mondo non lontano, gravitano alcune splendide realtà: le famiglie, che hanno collaborato attivamente e con entusiasmo alle mille iniziative proposte dalle maestre; i nonni, preziosi custodi di un tempo condiviso con generosità e impegno; le educatrici del nido e le maestre delle elementari, che tanti progetti e occasioni di crescita hanno condiviso e reso possibili; gli Alpini che, con la loro tradizionale umanità e vicinanza, hanno preparato ottime caldarroste per tutti, e non solo; la Banca del Giocattolo, che ha elargito doni preziosi e, ancora e non di meno, tutte le persone che avremo, involontariamente, dimenticato di citare.

Il doposcuola
Un doveroso ringraziamento va all'Associazione Genitori di Pavignano che, da sempre e con entusiasmo sempre nuovo, ha reso possibile tutta una serie di servizi alle Famiglie: il servizio doposcuola della Scuola per l'Infanzia, il futuro prescuola alle Elementari, i tanti corsi (danza, teatro, mini-basket, taekwondo e molti altri) organizzati a beneficio del nostro piccolo popolo in crescita. Vogliamo ancora una volta ringraziare Valeria e Franca, le nostre «super-Collaboratrici»: loro è il primo sorriso che, ogni mattina, accoglie bimbi e genitori; loro l'arrivederci che, dopo una giornata impegnativa e ricca, rimanda a domani ma, soprattutto, loro è anche l'impegno quotidiano, intenso e silenzioso, che contribuisce, dietro le quinte e non solo, a rendere ogni giorno un giorno speciale. I genitori della Scuola per l'Infanzia di Pavignano.