25 luglio 2021
Aggiornato 20:00
Territorio

Fusione dei Comuni: approvati in prima commissione i disegni di legge per le unioni

I provvedimenti riguardano i comuni di Valle Mosso, Mosso, Trivero e Soprana e poi di Quaregna e Cerretto Castello e altri comuni piemontesi

BIELLA - La prima commissione consiliare presieduta da Vittorio Barazzotto ha esaminato e approvato i disegni di legge che riguardano l’istituzione di 5 nuovi Comuni in Piemonte derivanti da fusione. Di questi, due di essi riguardano il Biellese, con l’istituzione del Comune di Valdilana dalla fusione di Trivero, Mosso, Valle Mosso e Soprana e quello di Quaregna-Cerreto Castello. Gli altri provvedimenti hanno interessato l’istituzione del Comune di Gattico-Veruno mediante fusione dei Comuni di Gattico e di Veruno in Provincia di Novara, l’istituzione del Comune di Lu e Cuccaro Monferrato mediante fusione dei Comuni di Lu e di Cuccaro Monferrato in Provincia di Alessandria, l’istituzione del Comune di Valchiusa mediante fusione dei Comuni di Vico Canavese e Meugliano e di Trausella nella Città metropolitana di Torino.

In autunno i referendum ai cittadini
Ora i vari disegni di legge passeranno alla discussione e alla votazione del Consiglio regionale, dove diverranno legge. A quel punto, presumibilmente in autunno, le varie amministrazioni interessate indiranno i referendum fra i propri cittadini.

I contributi
Dal punto di vista finanziario, il nuovo Comune formato da Quaregna e Cerreto riceverà un contributo una tantum pari a 90.360 euro a cui si somma un contributo annuale, per la durata di cinque anni, di 18.072 euro. Per le cinque annualità il contributo complessivo sarà di 180.720 euro. Per quanto invece riguarda il Comune di Valdilana, riceverà un contributo una tantum pari a 145.000 euro a cui si somma un contributo annuale di 29.000 euro per un totale, nelle cinque annualità, di 290.000 euro. Il periodo interessato dal quinquennio va dal 1° gennaio 2019 fino al 2023.