23 settembre 2019
Aggiornato 02:30
Agricoltura

Pesche, raccolta al via in Piemonte

Confagricoltura: «Nonostante il maltempo, i prezzi restano buoni. Sul mercato, l'Italia beneficia anche del ritardo della Spagna»
Banco di frutta di un supermercato
Banco di frutta di un supermercato ANSA

TORINO - E' partita in Piemonte la raccolta delle pesche. La produzioni è in calo - fa sapere Confagricoltura Piemonte - ma la qualità è buona e la richiesta del mercato forte. Nel Cuneese la stagione si è aperta in ritardo di una settimana perché le piogge hanno posticipato la maturazione delle nettarine. Il maltempo, in particolare le gelate di primavera e le precipitazioni in fase di fioritura,hanno ridotto la produzione a fronte di un mercato tonico e con prezzi migliori dell'anno scorso, tra gli 80 centesimi e 1 euro al chilo.

SPAGNA IN RITARDO - Le pesche meno precoci sono più buone e ci sono anche buone previsioni per il raccolto delle varietà tardive a fine agosto. Le recenti trombe d'aria hanno azzerato le produzioni di chi era sprovvisto di reti antigrandine. Sul mercato, l'Italia beneficia anche del ritardo della Spagna, dove il maltempo ha compromessola raccolta. Per albicocche e mirtilli invece - spiega ancora Confagricoltura - i prezzi sono ancora bassi, diminuisce in Piemonte la produzione di kiwi.