18 settembre 2019
Aggiornato 02:30
Tennis

ITF Thindown: completo il tabellone di qualificazione

Sono usciti i nomi delle otto giocatrici qualificate e la metà di loro sono giovanissime. Nel main draw successi per Spiteri e Hofer

BIELLA - Sono 17 le azzurre ai nastri di partenza del tabellone principale dell’Itf Thindown, torneo internazionale femminile scattato ieri sui campi in terra dei Faggi di Biella. Due di loro non hanno deluso le aspettative, vincendo all’esordio e mantenendo fede al ruolo di favorite. Così la testa di serie numero 2 Dalila Spiteri (555 Wta) non ha lasciato scampo alla fresca diciottenne alessandrina Enola Chiesa, superata per 6-3, 6-3. Più lottata e sofferta la vittoria centrata dalla quinta testa di serie Verena Hofer: perso il primo set 4-6 nel derby con Natasha Piludu, la ventunenne di Bolzano si è ripresa, aggiudicandosi le successive frazioni per 6-3, 6-2.

Le otto qualificate
Dopo 40 partite, molte delle quali lunghe ed estenuanti, sono usciti i nomi delle otto giocatrici qualificate e la metà di loro sono giovanissime. La più giovane (compirà 16 anni il 30 agosto) è la ceca Lucie Petruzelova, brava a superare in recupero, dopo quasi tre ore di battaglia, la svizzera Andrina Peer: 5-7, 6-2, 6-1 lo score. Le altre atlete del 2000 sono Andrea Farulla Di Palma (6-4, 7-6 a Vazquez), Tiphane Fiquet (7-5, 7-6 a Raggi) e Katerina Tsygourova (7-6, 6-2 a Viviani).

Una vittoria meritata per Gambogi
Una bella vittoria è quella raccolta dalla livornese Sara Gambogi, a segno per 6-2, 7-6 (3) sulla tds numero 1, la serba Mihaela Djakovic. «Il risultato migliore finora in un 15mila - dice la 19enne di Piombino -. Sul 5-4, quando ho servito per il match, Djakovic è riuscita a tirare alcuni vincenti. Poi sul 5-6 sono stata brava, anche se mi ha dato una mano mettendo un paio di risposte in rete». Il tennis è sempre stato la sua passione: «Ho iniziato da piccolissima a 5 anni e coltivo il sogno di diventare una professionista. Ho un tennis abbastanza vario: cerco di impostare il gioco il più possibile. I miei idoli? Mi piacciono sia Monfils sia Brown, ma anche Federer».

Le altre finaliste
Beatrice La Cava intorno alle 12 e Camilla Diez, non prima della 18. Giocheranno entrambe sul campo centrale del circolo le due giocatrici di casa impegnate nel turno d’esordio del main draw. L’eporediese, che da due anni si allena con Cosimo Napolitano, troverà l’argentina Eugenia Ganga; mentre la ventitreenne biellese sfiderà la tds numero 8 Bianca Turati (875 Wta). Diez ha esordito ieri nel doppio: in coppia con Matilda Gelao sono state sconfitte da Gloria Ceschi e Sofia Mariotto con il punteggio di 6-3, 6-1. Martedì mattina si parte alle 10: in programma 15 match, di cui ben 12 di singolo.