17 novembre 2018
Aggiornato 17:00

Litiga con il patrigno, esce di casa poi torna con una pistola e lo uccide

A lanciare l’allarme, subito dopo il delitto avvenuto al terzo piano di un palazzo, è stata la moglie della vittima e madre dell'omicida
Litiga con il patrigno, esce di casa poi torna con una pistola e lo uccide
Litiga con il patrigno, esce di casa poi torna con una pistola e lo uccide (ANSA)

SETTIMO TORINESE - Un uomo di 59 anni, Domenico Gatti, ex poliziotto, è stato ucciso dal figliastro a colpi di pistola, a Settimo Torinese. L'omicida, Christian Clemente, 26 anni, è stato fermato dai carabinieri e successivamente portato nel carcere di Ivrea. Il delitto è avvenuto nella casa della madre del giovane, dopo cena.
Dopo un litigio tra i due uomini, l'omicida ha prima sparato un colpo, non andato a segno, verso il patrigno poi si è allontanato e ha atteso Gatti all'uscita da casa per colpirlo con 8 proiettili. La pistola, che era stata rubata dal giovane, è stata ritrovata in un campo vicino al luogo del delitto.