18 giugno 2019
Aggiornato 10:30
Tessile

Po.in.tex ultime fasi per il progetto Midwor-Life

Ultima trasferta in terra spagnola per il Polo di Innovazione Tessile di Città Studi impegnato nella riduzione dell'impatto aziendale sull'ambiente

BIELLA - Midwor-Life è un progetto co-finanziato dal programma europeo Life+ che mira a ridurre l’impatto sull’ambiente, sulla salute delle persone e sulla sicurezza dei lavoratori, dei prodotti idro e olio repellenti durevoli (DWOR) attualmente impiegati nell’industria tessile e delle loro alternative, analizzandone l’impatto sull’ambiente e le funzionalità tecniche.

Le battute finali del progetto
Nelle scorse settimane la Commissione Europea ha condotto l’ultima visita di monitoraggio al progetto Midwor-Life, con il team di supporto di Idom-Neemo. Presso il Centro tecnologico Leitat di Terrassa, in Spagna, il coordinatore di progetto Aei Textlis, assieme al Polo di Innovazione Tessile di Città Studi Biella e agli altri partner di progetto, ha accolto Manuel Montero, Project Advisor di Easme (l’Agenzia Esecutiva per le piccole e medie imprese della Commissione Europea), e Irune Osés di Idom-Neemo. Durante il meeting, ogni partner ha presentato lo stato di avanzamento delle azioni di cui era responsabile, illustrando le strategie messe in atto nelle ultime fasi del progetto, che si concluderà ufficialmente venerdì 31 agosto 2018. Leitat, inoltre, ha organizzato una visita nei suoi laboratori, mostrando tutti i macchinari utilizzati nel corso del progetto.

La presentazione e i risultati
Rispetto all’incontro precedente è stato presentato per la prima volta il Life Cycle Assessment (LCA) dei diversi prodotti chimici idro oleo repellenti (DWOR) ed è stata diffusa la terza newsletter. Il principale risultato derivante dal LCA è la dimostrazione che l’impatto ambientale relativo all’utilizzo di sostanze prive di fluoro è inferiore di almeno 10 volte rispetto a quello che si ottiene utilizzando composti fluorurati a 6 o 8 atomi di carbonio. La terza newsletter, invece, conteneva una sintesi delle attività condotte negli ultimi mesi, incluso l’evento finale di Bruxelles, la pubblicazione del Layman’s report, il lancio del web tool per aiutare le aziende nell’auto-valutazione dell’impatto ambientale dei diversi prodotti DWOR e la pubblicazione di numerosi report tecnici di progetto.