21 settembre 2018
Aggiornato 12:00

Miagliano, al Lanificio Botto la presentazione del libro «La meglio famiglia»

Il romanzo d'esordio del biellese Luca Pasquadibisceglie verrà presentato durante la «Passeggiata con l’autore» e grazie alle letture di Storie di Piazza
Miagliano, al Lanificio Botto la presentazione del libro «La meglio famiglia»
Miagliano, al Lanificio Botto la presentazione del libro «La meglio famiglia» (Storie di Piazza)

MIAGLIANO - Domenica 9 settembre ritorna per Wool Experience al Lanificio Botto la «Passeggiata con l’autore» alle 16.30 con «La meglio famiglia», romanzo d’esordio di Luca Pasquadibisceglie. Il progetto Wool Experience promosso da Amici della Lana in collaborazione con Storie di Piazza, Atl, Rete Museale Biellese e altre associazioni, gode del contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e il patrocinio di Comune di Miagliano, Provincia di Biella, Regione Piemonte. La «Passeggiata con l’autore» ha già visto una folta partecipazione di pubblico accorsa per la presentazione di tre libri di autori locali: Elena Accati, Maurizio Pellegrini e Carlo Ceccon che, nel caldo della stagione estiva, hanno avuto modo di esprimere in maniera originale la loro scelta autorale con l’ausilio delle letture di Storie di Piazza e la presenza di attori e musicisti, lungo il canale Poma, in una splendida passeggiata che collega Miagliano a Sagliano attraverso un percorso nel verde e nella frescura.

I lettori d'eccezione
Ora la frescura è già presente nell’aria ma la passeggiata è ancora assolutamente gradevole, essendo un percorso tra natura e acqua che permette soste piacevoli in piazzole in cui i rumori naturali ben si sposano con la narrazione che, in questo caso, verrà effettuata da tre lettori d’eccezione: Valentina Banin, Francesco Logoteta e Massimiliano Gaggino.

Il romanzo
Il libro, romanzo di fantasia, narra le vicende che ruotano attorno alla gestione di una centrale elettrica, motore della vita di una cittadina del nord Piemonte a tutti nota: Biella. Una storia intensa e completa, che si snoda attraverso quasi 500 pagine di romanzo, alimentata dalla fantasia di Pasquy e da eventi che egli ha conosciuto nel corso della sua vita lavorativa. Le vicende partono nel periodo della seconda guerra mondiale ed arrivano fino al 2016. L’idea dell’autore è stata quella di porre al centro della città e dei suoi giochi di potere, il più grande sito energetico della regione, una Centrale Elettrica attorno e dentro al quale si muove la famiglia che lo possiede, i Crivelli, e la famiglia che possiede la potente banca locale, i Penna. All’interno della centrale opera un sindacalista corrotto, che non esita a usare mezzi non ortodossi, violenti ed intimidatori, per raggiungere i suoi scopi. Anche a stringere alleanze con la malavita rumena che opera in zona. Sullo sfondo di tutto, una Biella inventata con qualche riferimento geografico, storico e culturale fin troppo reale. Con Luca Pasquy termina il ciclo ci 4 incontri dedicati ad autori biellesi e si apre una finestra nei confronti di altri autori, in questo caso provenienti da Torino. Informazioni www.amicidellalana.it, amicidellalana@gmail.com, 3200982237.