21 settembre 2018
Aggiornato 06:00

Scorie nucleari, la Regione Piemonte scrive al Governo

Inviata lettera ai Ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo Economico: «Serve una rapida decisione per la costituzione del deposito nazionale»
Scorie nucleari
Scorie nucleari (Shutterstock.com)

TORINO - Con una lettera inviata ai ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico, il Piemonte chiede al governo una rapida decisione per la costituzione del deposito nazionale di scorie nucleari. Anche perché la mappa dei siti ritenuti idonei ad ospitare tali depositi nucleari non è ancora pronta. Lo ha riferito nel corso della mattinata l'assessore all'Ambiente Alberto Valmaggia ai commissari della quinta Commissione in Consiglio regionale del Piemonte, presieduta da Silvana Accossato.

«I due ministeri interessati - ha spiegato Valmaggia - sono ancora in attesa di ricevere l'approvazione del dossier relativo alla mappatura dei siti nucleari da parte della Comunità europea dell'energia atomica (Euratom) incaricata di riesaminare il relativo dossier, tenendo conto delle recenti modifiche apportate».

Per questo motivo la Regione, che non ha ricevuto comunicazioni da parte ministeriale, si è attivata inoltrando una lettera. Nel documento si evidenzia l’assoluta necessità di giungere celermente all’approvazione del programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi, riavviando il percorso finalizzato alla costruzione del sito nazionale.
​​​​​​​La nostra regione ha sul proprio territorio tutte le tipologie di impianti e l’inventario radiologico più elevato, con circa l’80% del totale nazionale in termini di attività.

Nel corso del dibattito sono intervenuti sull’argomento i commissari Giorgio Bertola e  Mauro Campo (M5s), Roberto Ravello (Fratelli d’Italia) e Andrea Fluttero (Fi) che hanno sottolineato la necessità di intervenire sulla messa in sicurezza degli impianti, sul loro recupero e sulle modalità di intervento del materiale radioattivo italiano detenuto da altri Paesi.

In seduta congiunta la stessa quinta Commissione e la Commissione speciale per la promozione della cultura della legalità e il contrasto dei fenomeni mafiosi (presidente Giorgio Bertola) - conclusa la serie di audizioni - hanno deciso di redigere in tempi brevi una relazione condivisa all’unanimità dai commissari.

Accossato si è dichiarata soddisfatta dell’operato della Commissione di indagine: «Abbiamo compiuto un approfondimento del fenomeno ed è stata l’occasione per comprendere meglio un settore importante dell’economia circolare».​​​​​​​
Bertola si è detto favorevole alla stesura di una relazione finale unanime da rendere pubblica: «Può servire da stimolo per l’individuazione delle giuste soluzioni per fermare o sminuire il fenomeno».