21 novembre 2019
Aggiornato 19:30
Musica

Accademia Perosi, la stagione scalda i motori

Dal 28 settembre tornano gli appuntamenti con la Classica a Biella. Concerti e grandi interpreti per l’avvio di stagione dell'istituto

BIELLA - Più di cento le presenze in due settimane. Musicisti provenienti da tutto il mondo sono arrivati in città per master classes, audizioni e concerti. Appena il tempo di imballare sgorbie, pennelli, rasiere, resine, ed essenze ed è già ora di salutare i liutai provenienti da Spagna, Stati Uniti e Cina, oltre ovviamente da diverse città italiane. Questa mattina si riparte però con la musica suonata. Una vera invasione del Piazzo con violinisti, violoncellisti e pianisti per partecipare ai corsi di alto perfezionamento con Pavel Beman, Rudens Turku, Marco Rizzi, Victor Chestopal e ancora i pianisti di Konstantin Bogino.

La musica
Ma i concerti saranno i protagonisti del fine settimana dal 28 al 30 settembre. È tutto pronto per la quarantaduesima stagione dei concerti dell’accademia. Artisti italiani e internazionali al Borgo storico per un avvio di stagione che è quasi un festival. Il cartellone s’inaugura venerdì 28 settembre alle 20.45 con un grandissimo appuntamento: sarà Mario Brunello a portare il pubblico dell’accademia in un viaggio nell’universo delle Suite per violoncello e delle Sonate e Partite per violino di Johann Sebastian Bach. Al centro, lo strumento che Brunello imbraccerà per interpretare due famosi pezzi bachiani scritti originariamente per violino, qui invece realizzati con uno strumento che suona un’ottava sotto rispetto al violino stesso, quindi con sonorità molto diverse da quest’ultimo. Un violoncello piccolo a quattro corde datato 1776, proveniente dalla città tedesca di Mittenwald che si potrebbe definire la «Cremona tedesca» per gli strumenti ad arco. Uno strumento, come ha detto lo stesso Brunello, che offre l’impagabile vantaggio di poter suonare un intero accordo, come può fare appunto il violino (ma non il violoncello). Per conoscere tutte le novità 2018-19 è stato scelto un vernissage musicale, nel cuore del week end inaugurale.

I nuovi progetti da scoprire
Il concerto aperitivo della Rizzi's class nella sala dei concerti al primo piano dell’Accademia, sabato  29 settembre alle 17,30, sarà l’occasione per scoprire i nuovi progetti del Perosi, gli ospiti che frequenteranno Biella nei prossimi mesi, gli «Zoom!» e i nuovissimi «miniZoom!». Imperdibili le ultime sonate di Schubert, narrate dalla voce di Sandro Cappelletto, interpretate al pianoforte da Andrea Lucchesini, nel tardo pomeriggio di domenica 30 (alle 17,30).  «Straniero al mondo. Schubert, le ultime due Sonate».  Un suggestivo racconto degli ultimi mesi di vita del grande compositore e pianista austriaco che, ormai malato, riuscì a trasformare questo momento così difficile in un periodo straordinariamente fecondo per la sua musica. Andrea Lucchesini, pianista italiano di fama internazionale, negli ultimi anni ha prestato particolare attenzione a Schubert e alle sue ultime Sonate che qui presenterà in una forma particolare, con le parole di Sandro Cappelletto, scrittore e storico della musica, ad introdurre ogni brano con un testo originale. Critico musicale de «La Stampa» e autore di programmi radiofonici e televisivi per la Rai, Cappelletto ha pubblicato nel 2014 «Da straniero inizio il cammino – Schubert, l’ultimo anno» edito proprio a Biella dall’Accademia, volume dedicato all’estremo periodo creativo di Schubert. Nel frattempo, chi non volesse concedersi pause musicali, potrà salire al Piazzo (perché no, con la funicolare), prendere un caffè e ascoltare buona musica domenica mattina per un concerto di pianoforte dei corsi di Konstantin Bogino tra le 11 e le 12. Ingresso libero e gratuito.