27 ottobre 2021
Aggiornato 08:30
Economia

Federcasalinghe e Banca Sella, un accordo per sostenere la microimprenditoria femminile

L’iniziativa «Donne e banca, tradizione e innovazione per una moderna economia» è stata presentata oggi a Roma

BIELLA - Federcasalinghe e Banca Sella hanno siglato oggi un accordo per sostenere la microimprendoria femminile presso le associate. L’iniziativa «Donne e banca, tradizione e innovazione per una moderna economia» è stata presentata oggi presso l’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio a Roma.

L'offerta per le associate
L’accordo prevede che le associate a Federcasalinghe possano usufruire dei prodotti bancari e previdenziali messi a disposizione da Banca Sella. In particolare per le persone la banca offre il proprio conto online Websella, il conto Sella, prestiti e mutui a condizioni economiche vantaggiose e la possibilità di sottoscrivere il fondo pensione Eurorisparmio con un’offerta dedicata. Per le imprese Banca Sella mette a disposizione l’offerta Sella2Business, il pacchetto completo di servizi per le attività che comprende conti, sistemi di pagamenti, finanziamenti e mutui, supporto per l’innovazione e coperture assicurative; sono presenti inoltre soluzioni studiate ad hoc per le imprese del settore agrario e agroalimentare e per le strutture ricettive come i bed & breakfast. Il tutto per sostenere le associate a Federcasalinghe nella loro vita quotidiana

Le nuove imprenditrici
L’accordo tra Federcasalinghe e Banca Sella nasce dalla richiesta delle donne di avere dall’Associazione l’indicazione di una banca di fiducia e disponibile anche a parlare di auto impresa e microimpresa. Infatti, la donna del dopo-crisi guarda con attenzione all’imprenditorialità ed all’autonomia economica. Ha obiettivi diversi ed eterogenei, ha una formazione scolastica che può classificarsi medio alta, ma una formazione non formale e informale elevatissima. «È una donna che sa soffrire, ma che sa anche vincere» dichiara Federica Gasparrini, presidente nazionale dell’associazione. Dai dati Istat pubblicati nel 2018, emerge che su un totale di 286.906 aziende nate nel 2016 ben il 59,5 per cento sono «rosa». E di queste molte sono rivolte al settore dei servizi, del commercio, dell’innovazione.

Gli ambiti di intervento
I primi passi della collaborazione tra Associazione e Banca Sella vedranno come settori privilegiati i servizi innovativi per il turismo, quelli dedicati all’infanzia, all’adolescenza e alla terza età, i settori florovivaista e del florovivaismo turistico e la ristorazione a km zero. Aggiunge Gasparrini: «Nella prima lettera inviata a Banca Sella avevamo chiesto di valutare positivamente alcune caratteristiche delle nostre socie quali le relazioni che intrattengono, la capacità di combattere e lavorare per gli obiettivi in cui credono, la concretezza, l’acquisita e consolidata formazione informale derivata dall’esperienza di vita, l’abitudine a gestire e scegliere. Il tutto tenendo in considerazione anche alcuni aspetti, come la conoscenza non approfondita delle regole che governano le imprese ed il mercato, delle informazioni sui finanziamenti pubblici e sui supporti economici esistenti oltre che dei rischi d’impresa, a cui si aggiunge il timore di poter sbagliare e danneggiare il bilancio familiare, Dal primo contatto sono seguiti importanti incontri. Oggi firmiamo l’accordo e da domani si lavora insieme».

Supportare e valorizzare le competenze
Intervenendo alla firma dell’accordo a Roma, l’amministratore delegato di Banca Sella Claudio Musiari ha affermato: «Riteniamo questa collaborazione con Federcasalinghe molto importante, proprio per il ruolo che l’associazione svolge per le sue associate: dalla tutela delle donne alla formazione, fino alla promozione dell’imprenditoria femminile. Come Banca forniamo ogni giorno il nostro supporto e la nostra assistenza per favorire l’accesso ai servizi bancari e sostenere allo stesso tempo anche l’avvio di attività imprenditoriali. Questo accordo – conclude Musiari – è un modo per supportare e valorizzare le competenze delle associate e favorire la nascita di un importante tessuto di micro imprese che possono rappresentare un volano importante per una moderna economia sul territorio».

I nuovi strumenti
Spiegando più nel dettaglio l’accordo, Massimo De Donno, vice responsabile rete di Banca Sella, ha illustrato l’insieme dei servizi e prodotti che la banca mette a disposizione delle associate: «La nostra offerta è ampia e in grado di soddisfare differenti esigenze: per i privati si va dai dai conti ai finanziamenti fino a strumenti previdenziali e di protezione, servizi accessibili dai canali tradizionali rappresentati dalla nostre succursali, sia da canali più innovativi come l’internet banking, il telephone banking e mobile banking tramite app dedicata. Per le imprese nelle varie fasi del ciclo di sviluppo, da start up fino all’evoluzione – prosegue De Donno – forniamo in particolare tutti gli strumenti per avvicinarsi al digitale e alle nuove tecnologie, che mai come oggi possono aiutare lo sviluppo di una impresa, di qualsiasi settore».