18 gennaio 2020
Aggiornato 21:30
Formazione

Scuola, approda a Biella il progetto Diderot

La nuova edizione del progetto di Fondazione Crt coinvolgerà 110 mila bimbi e ragazzi dai 6 ai 20 anni. I temi spazieranno dai vaccini ai bit coin, dalla moda etica agli esopianeti, dalle fake news all’arte
Scuola, approda a Biella il progetto Diderot
Scuola, approda a Biella il progetto Diderot Shutterstock

BIELLA – Lunedì 1 ottobre, alle 11, farà tappa a Biella, presso l’Auditorium di Palazzo Gromo Losa (Corso del Piazzo, 24), il road show di presentazione del progetto Diderot della Fondazione Crt, che porta nelle aule piemontesi e valdostane un ricco programma didattico collaterale fatto di lezioni, laboratori, spettacoli, incontri dedicati a molteplici temi: dall’astronomia alla matematica, dalla corretta alimentazione all’imprenditorialità spiegata attraverso la moda etica, dalle fake news alla prevenzione e ai vaccini, dalla produzione musicale alla sostenibilità delle produzioni alimentari.

I numeri del progetto
La XIII edizione del progetto sarà illustrata a dirigenti scolastici, insegnanti e partner del progetto dal Consigliere della Fondazione Crt Silvano Caccia. «Diderot», a partecipazione gratuita per tutte le scuole, coinvolgerà nell’anno scolastico 2018/2019 circa 110 mila bambini e ragazzi, dai 6 anni fino ai 20, per un investimento di 1,3 milioni di euro di Fondazione Crt. Il progetto ha interessato nella sola provincia di Biella oltre 68 mila studenti, oltre 5 mila insegnanti, 3.600 classi. Complessivamente oltre 880 mila studenti, oltre 43 mila classi e più di 58 mila insegnanti, per un impegno complessivo di oltre 19 milioni di euro della Fondazione Cr.

Nuove opportunità di apprendimento
«Il progetto Diderot della Fondazione CRT ‘accompagna’ le scuole piemontesi e valdostane, offrendo un programma collaterale rispetto al percorso tradizionale didattico - afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia -. Grazie alla sinergia con le scuole e con partner consolidati, la Fondazione mette a disposizione degli studenti ulteriori e nuove opportunità di apprendimento, formazione e crescita, non solo individuale ma collettiva, su tematiche particolarmente attuali e innovative».

Contenuti innovativi sin dai primi anni di scuola
«Le soft skills, sempre più richieste nel mondo interconnesso in cui viviamo, vanno formate sin dai primi anni sui banchi di scuola - sottolinea il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci -. Diderot, grazie a contenuti innovativi e di respiro internazionale, permette di ‘allenare’ competenze trasversali che sempre più devono entrare a far parte della formazione dei cittadini europei di domani».

Moderni strumenti didattici
«Il progetto Diderot - spiega Fabrizio Manca, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte - rappresenta un eccellente supporto formativo ed educativo per le scuole. Con le sue molteplici attività riesce ad avvicinare, in modo creativo e stimolante, gli studenti alle attività formative con metodologie di insegnamento e apprendimento fortemente innovative e al passo con i moderni strumenti didattici. Un progetto, quindi, dalle alte finalità formative che contribuisce alla costruzione di una vera comunità educante».

Contrasto alla droga e ad altre forme di sballo
«La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella sostiene quest’anno il progetto Diderot implementando per gli studenti biellesi la linea progettuale «We free» proposta dalla Comunità di San Patrignano – spiega il Presidente Franco Ferraris – come utile strumento per contrastare l’avvicinamento dei giovani alla droga e ad altre forme di sballo. Un progetto di grandissima rilevanza sociale e purtroppo di attualità al quale il territorio vuol prestare attenzione e porre contrasto attivo a difesa del nostro tesoro più prezioso: i giovani».

Le linee didattiche
Saranno in totale 16 le linee didattiche, molte delle quali rinnovate nella loro veste, con l’obiettivo di rendere maggiormente incisiva l’offerta formativa attraverso l’approfondimento di specifiche tematiche. La linea didattica Digital Math Training, orientata al rafforzamento delle competenze matematiche e informatiche, indagherà i segreti del telefono cellulare, la gestione del traffico, i codici e la crittografia, la genetica, i bit-coins; Rinnova..mente tra codici e numeri si arricchisce del «Math Day», una giornata all’insegna della matematica e del gioco; Viaggio nella grammatica fantastica metterà in scena il lab-spettacolo «Essere o avere? Dilemma..infinito!», mentre a marzo, sul palco delle OGR, salirà la nuova opera show «La Maschera di Erato» che, attraverso musica, canto, danza e prosa, affronterà  temi attuali quali diversità e bullismo. Il Caffè Filosofico si focalizzerà sulla complessità del reale come antidoto alle facili semplificazioni e sulle fake news; Rendere possibile…un’impresa impossibile, dopo il successo delle precedenti edizioni dedicate al caso Disney e ad alcuni marchi mondiali del food and beverage, stimolerà lo spirito imprenditoriale dei ragazzi attraverso storie emblematiche di successo nel campo della moda etica; Io vivo sano, in collaborazione con Fondazione Veronesi, spiegherà che cosa sono e come funzionano i vaccini e l’importanza della prevenzione. La linea Le mie impronte sul pianeta, arricchita di una app per smartphone, sarà rivolta alla sostenibilità delle produzioni agricole applicando i principi dell’agricoltura circolare per l’efficienza dell’uso delle risorse; I speak contemporary, che coniuga arte e inglese, proporrà il contest «Art at times» sull’arte contemporanea. Alla ricerca dell’armonia guiderà gli studenti in un «Viaggio fantastico nella letteratura mitologica» attraverso il linguaggio della musica come legame tra diverse materie curricolari; Economi@scuola si focalizzerà sull’economia civile e la sostenibilità economica; Movimento alimentazione e salute porterà in classe gli stili di vita e la spesa consapevole con un’attenzione alle ricette sane. Luce, Acqua, Vita: alla scoperta di nuovi mondi nella galassia si arricchirà di follow-up in remoto con laboratori di analisi di reali dati astronomici; Programmo anch’io introdurrà ai concetti di programmazione; WeFree guarderà alla prevenzione delle dipendenze e del disagio giovanile; Alfaclass potenzierà la conoscenza e l’approfondimento della matematica. Confermate le partnership del Diderot con Fondazione CR Cuneo, Asti, Biella, Vercelli, la Regione Valle d’Aosta e la Fondazione Bonino-Pulejo di Messina, che porta il progetto in Sicilia e a Reggio Calabria e provincia. Le iscrizioni per gli insegnanti saranno aperte mercoledì 10 ottobre alle ore 14 sul sito www.fondazionecrt.it.