18 novembre 2018
Aggiornato 15:00

IT'S TAM, Marta Ferla: «Il valore aggiunto dell'Istituto? Le ore di stage presso le aziende tessili»

Marta Ferla vincitrice di una borsa di studio per il progetto Crabwool: «ITS TAM ti dà l’opportunità di mettere in pratica in azienda quello che impari nelle aule. Puoi mettere in mostra chi sei, la tua passione e il tuo valore»

BIELLA - Il settore tessile rappresenta ancora una delle poche eccellenze competitive del nostro territorio riconosciute a livello internazionale. Un mondo e un settore in continua evoluzione che unisce l’approccio competitivo a quello manageriale.Stante la sempre crescente richiesta di quadri tecnici all’interno delle aziende, vista la mancanza di turnover e l'alta percentuale di pensionamenti, oggi più che mai è necessario formare giovani che siano operativi in breve tempo.

IT'S TAM - L' Istituto Tecnico Superiore Tessile Abbigliamento e Moda nasce per rispondere a questa esigenza. E’ un biennio di formazione specialistica post diploma caratterizzato da 1800 ore full time di cui 640 svolte in stage altamente professionalizzanti presso aziende del settore tessile. Il corso si propone di formare tecnici impiegabili su tutta la filiera del tessile abbigliamento moda, un percorso che parte dalla fibra fino alla commercializzazione del prodotto finito.
Abbiamo intervistato Marta Ferla, studentessa ITS TAM e vincitrice di una borsa di studio assegnata da Federmanager Biella per il progetto innovativo «Crabwool». Unire le potenzialità del tessile ai benefici delle fibre agroalimentari è stato l’input che ha avviato il progetto «Food Fiber» indetto lo scorso anno da Federmanager Biella per l’assegnazione di 3 borse di studio. Obiettivo: soddisfare le esigenze del mercato e rispondere al bisogno di sostenibilità di un pianeta sempre più a rischio.

Perché scegliere ITS TAM?
Ho scelto questo Istituto perché ho una passione per la moda e per il tessile, e cosi’ dopo una prima scelta universitaria sbagliata, ho deciso di provare questa nuova esperienza. Ho ricevuto tanti feedback positivi. E’ una scuola che ti dà l’opportunità di mettere in pratica in azienda, quello che impari nelle aule. Puoi mettere in mostra chi sei, la tua passione e il tuo valore. Questo è il lato più positivo. Un altro valore aggiunto sono le ore di stage all’interno delle aziende tessili. Ho fatto 5 stage: i 3 obbligatori durante l’anno e 2 facoltativi estivi. Ho avuto la fortuna di conoscere Zegna Baruffa, Iride, Ermenegildo Zegna, Lanificio Subalpino.

Come sono strutturati i corsi?
Le lezioni sono sostenute da specialisti del settore, docenti provenienti dal mondo delle imprese. Essendo una classe piccola, ognuno di noi è seguito individualmente.

ITS TAM è stato selezionato per partecipare al «Maker Faire» di Roma, Il più grande evento europeo dedicato all’innovazione, grazie a un progetto di sviluppo di una fibra agroalimentare: il CRABWOOL. Spiegaci di cosa si tratta e come è nato il progetto.
Il Progetto nasce dalla proposta di Federmanager di far cimentare gli studenti su un tema molto attuale, quello delle Food-Fiber ovvero delle fibre tessili ottenute da materie prime agroalimentari, mescolare cioè materiali innovativi e allo stesso tempo organici. Abbiamo scelto il crabyon, una fibra che deriva dagli scarti del granchio e lo abbiamo unito alla lana perché essendo due fibre biodegradabili, è possibile realizzare una nuova generazione di tessuti antibatterico naturali, ecosostenibili, antiodore e con un ridotto impatto sull’ambiente.

Un completo sportivo realizzato con il Crabwool

Un completo sportivo realizzato con il Crabwool (© ITS TAM)

Quali prototipi sono stati realizzati?
Ogni gruppo ha creato un prototipo. Sono state realizzate delle maglie sportive, delle scarpe, le Espadrillas, un cuscino per aereo, una cuccia per cani e una fascia da bebé appunto per sfruttare le caratteristiche di questa fibra.

Una maglia realizzato con il Crabwool

Una maglia realizzato con il Crabwool (© ITS TAM)

Un cuscino da viaggio realizzato con il Crabwool

Un cuscino da viaggio realizzato con il Crabwool (© ITS TAM)

Una fascia porta bebé realizzata con il Crabwool

Una fascia porta bebé realizzata con il Crabwool (© ITS TAM)

Una cuccia realizzata con il Crabwool

Una cuccia realizzata con il Crabwool (© ITS TAM)

PREMI SPECIALI - Tre i progetti innovativi premiati da Federmanager Biella con 3 borse di studio. Marta è una delle vincitrici, con il progetto «Espadrillas». Crabwool è stato ulteriormente selezionato con atri 3 per rappresentare i risultati del percorso ITS 4.0 nelle quattro aree tecnologiche: Scienze della vita, AgriFood, Moda, Aerospazio/Meccatronica. Grazie a questa ulteriore selezione, alla Maker Faire di Roma ITS TAM avrà uno spazio espositivo di grande visibilità offerto da Unioncamere, nello stand adiacente agli spazi MIUR, padiglione 9.

Un paio di scarpe realizzate con il Crabwool

Un paio di scarpe realizzate con il Crabwool (© ITS TAM)

Espadrillas realizzate con il Crabwool

Espadrillas realizzate con il Crabwool (© ITS TAM)

NUOVI CORSI PER IL BIENNIO 2018-2020 - Silvia Moglia, Coordinatrice ITS TAM, «Il 98% degli studenti che frequentano l’Istituto trova occupazione. Al momento abbiamo più domanda da parte delle aziende che numeri di diplomati». Proprio per questo motivo il Tam ha deciso di raddoppiare i corsi per il prossimo biennio 2018-2020, grazie al finanziamento della Regione Piemonte attraverso il FSE, Fondo Sociale Europeo. I 2 corsi che corrispondono a 2 diversi profili professionali sono: Tecnico superiore di Processo e Prodotto di Filatura, Nobilitazione e Controllo Qualità e Tecnico Superiore di Prodotto, Progettazione tessile/maglieria e Design. Per poter accedere ai corsi Tam è richiesto il superamento di un test di ammissione. Le iscrizioni sono aperte fino a venerdì 12 ottobre, per informazioni www.itsTAMbiella.it