18 dicembre 2018
Aggiornato 18:00

Appendino: «Da sempre contrari alla Tav, Governo decida»

Il Consiglio comunale di Torino discute documento M5S contrario all'opera. Duro Chiamparino: «Il no di Torino alla Tav è una bestemmia»
Manifestazione «No Tav» in Valsusa
Manifestazione «No Tav» in Valsusa (ANSA)

TORINO - «Siamo sempre stati contrari alla Tav, la posizione è già nota da tempo. Ora la decisione spetta al governo e spero si arrivi in fretta ad una conclusione». La sindaca di Torino Chiara Appendino, a margine del Climathon, la maratona di idee sui cambiamenti climatici, risponde a una domanda sulle polemiche per l'ordine del giorno M5S contrario all'opera che sarà discusso lunedì in Consiglio comunale. La sindaca non parteciperà al dibattito perché in partenza per Dubai, dove è attesa da impegni istituzionali.

Di Maio: «Noi contro, é in Contratto» - «Da sempre noi siamo contrari alla Tav, e soprattutto è nel contratto di governo. Credo che in questo momento nessuno del governo a Roma abbia intenzione di foraggiare quell'opera». Lo ha detto il ministro per lo Sviluppo economico Luigi di Maio rispondendo alle domande dei giornalisti a Scordia, nel Catanese.

Chiamparino: «Il no di Torino alla Tav è una bestemmia» - «Che la Città di Torino, uno deidue poli della connessione con Lione, dica no al collegamento con la Francia mi sembra una bestemmia. Mi auguro che l'ordine del giorno contro la Tav venga respinto o non sia messo al voto». Così il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, a margine del convegno 'Passaggio a Nord Ovest, ieri a Verbania.
«Trovo assurdo - aggiunge - che si voti in Consiglio comunale un odg di quella importanza senza chi rappresenta la Città ai massimi livelli», ovvero la sindaca Chiara Appendino. «Mi auguro che il governo, visto che ha dato il via libera alla cosiddetta Tap in Puglia, per rifarsi con i propri elettori non metta sul piatto come agnello sacrificale il no alla Torino-Lione e a altre grandi opere che interessano il Nord», conclude Chiamparino.