18 dicembre 2018
Aggiornato 19:00

Presi i finti tecnici Enel

Ad incastrare i truffatori, i Carabinieri della compagnia di Cossato
Auto dei Carabinieri
Auto dei Carabinieri (ANSA)

COSSATO - Una complessa attività investigativa dei Carabinieri biellesi in sinergia con il Raggruppamento Carabinieri attività scientifiche di Parma, ha portato all'identificazione di due truffatori seriali, di 49 e 46 anni, residenti in un campo nomadi del Torinese.

DECINE DI RAGGIRI - La loro identità è stata scoperta anche con l'aiuto dei filmati delle telecamere presenti sul territorio e nei diversi comuni dove agivano i malviventi. Tempo fa erano riusciti a truffare una donna anziana di Brusnengo, fingendosi tecnici dell'Enel e con un raggiro si erano fatti consegnare i gioielli che la signora custodiva nella sua abitazione. A carico dei due truffatori decine di raggiri nelle zone fra Piemonte e Lombardia, approfittando della buona fede delle loro vittime, quasi sempre anziani.

OBBLIGO DI DIMORA - Anche l'auto sulla quale si muovevano ha attirato l'attenzione dei militari, una Opel Corsa 1600, con motore truccato e con la targa camuffata. Per i due malviventi, è stata chiesta ed ottenuta, la misura cautelare dell'obbligo di dimora.