20 aprile 2019
Aggiornato 04:00
Biella

Biella, la sosta si paga con Postepay e uno smartphone: ecco come funziona

Da pochi giorni è entrato in funzione anche il servizio PostePay+ per regolare la sosta del proprio veicolo nelle zone a pagamento

BIELLA - C'è una quarta via per il pagamento digitale della sosta in città: da pochi giorni è entrato in funzione anche il servizio PostePay+. Per utilizzarlo è necessario scaricare la app omonima da iTunes (per i dispositivi Apple) e da Google Play (per quelli con il sistema operativo Android) e avere una carta Postepay. Una volta associata la carta stessa all'applicazione ed essersi registrati come clienti, sarà possibile saldare il dovuto per la sosta vita telefono, con i vantaggi già presenti nelle altre modalità attive di pagare solo i minuti effettivi di parcheggio. Il servizio è valido anche per chi ha scaricato l'applicazione Postepay, cliccando sulla schermata iniziale il segno + per accedere alle funzionalità ulteriori rispetto al controllo dei movimenti sulla carta.

I metodi di pagamento a Biella

A Biella sono attivi anche i sistemi Telepass Pay, MyCicero ed EasyPark. Telepass Pay è riservato agli utenti abbonati al servizio che consente il pagamento automatico del pedaggio autostradale, al prezzo di un canone mensile (2,50 euro è quello ordinario, ma spesso ci sono offerte e sconti). Una volta inserito il tempo di sosta previsto, il pagamento avviene con addebito automatico. E’ possibile anche interrompere la sosta prima del tempo, pagando solo i minuti effettivi in cui si è parcheggiato, oppure prolungare il tempo fissato, per non correre il rischio di pagare una multa. Hanno caratteristiche simili anche EasyPary e MyCicero, per le quali è necessario ricaricare un borsellino virtuale per poter pagare volta per volta il parcheggio. Ma mentre EasyPark richiede una commissione di 0,29 euro, con MyCicero si paga la sola tariffa di sosta che a Biella è di 1,20 euro l'ora. In nessun caso è necessario esporre un tagliando giustificativo dell'avvenuto pagamento: saranno gli ausiliari del traffico a controllare, attraverso i loro dispositivi elettronici e tramite il numero di targa, se la vettura in sosta è in regola oppure no.