19 settembre 2019
Aggiornato 04:00
Agroalimentare

A Salussola i «vini rock» di DonnaLia

Nella tenuta 'Ca Bianca sei gli ettari coltivati a Nebbiolo, Erbaluce e Barbera, per una produzione media annua di 20 mila bottiglie in 6 etichette

SALUSSOLA - Si fanno largo i vini di Donna Lia, che qualcuno ha ribattezzato «vini rock» perché il brand della cantina sono stati promossi in importanti tour di band musicali internazionali. Vini che nascono a 'Ca Bianca, la tenuta di Salussola, in provincia di Biella, quasi 100 anni dopo le prime bottiglie di inizio del Novecento. Adesso si sente anche la mano «enologo-scienziato» assoldato nella giovane azienda condotta da una donna, Silvia Bettinetti e dalla sua famiglia.

(© DonnaLia)

20 mila bottiglie l'anno in 6 etichette

Sei gli ettari coltivati a Nebbiolo, Erbaluce e Barbera, per una produzione media annua di 20 mila bottiglie in 6 etichette. I nomi dei vini riportano al dialetto locale, al territorio e alla storia della tenuta. C'è il MaDama Rosé Brut. metodo classico che affina sui lieviti per 18 mesi, il La Mezza Canavese Rosato, ideale a tutto pasto, La Giasera Canavese Bianco, ideale come aperitivo, il rosso Variabile, il San Siond Canavese Nebbiolo, affinato 12 mesi in piccole botti di rovere, e La Torre Canavese Barbera, perfetto per le «merende sinoire».