23 aprile 2019
Aggiornato 02:30
Indagine annuale sulla moda

Moda, italiano un terzo dei big europei. Ma è la Francia la Regina dei ricavi

Nel 2017 i 43 big europei hanno dato lavoro a quasi 990mila persone. I gruppi italiani si mettono in luce per aver incrementato la forza lavoro di oltre 30mila unità
Moda, italiano un terzo dei big europei ma è la Francia la Regina dei ricavi
Moda, italiano un terzo dei big europei ma è la Francia la Regina dei ricavi ANSA

MILANO - I big europei della moda hanno registrato nel 2017 ricavi aggregati per 226,2 miliardi, in crescita del 33% sul 2013. Nonostante l'Italia con le sue big 15 sia il paese più rappresentato a livello numerico - oltre un terzo del totale - è la Francia, con il 30,3% dei ricavi aggregati, ad aggiudicarsi il primato per giro d'affari, favorita anche dall'apporto dei marchi italiani acquistati dai colossi d'Oltralpe. Italia (13,4%) e Spagna (13%) sono entrambe doppiate da Parigi. E' quanto emerge dall'indagine annuale sulla moda dell'Area Studi di Mediobanca.

Tra i gruppi principali, il gigante francese Lvmh si conferma leader assoluto per dimensioni (42,6 mld). Inseguono a grande distanza il gruppo spagnolo Inditex che controlla Zara (25,3 mld), il tedesco Adidas (21,2 mld), lo svedese H&M (20,3 mld) e l'altro francese Kering, proprietario, fra gli altri, di Gucci e Bottega Veneta (15,5 mld). Luxottica (9,2 mld), primo tra gli operatori italiani, si posiziona al settimo posto, mentre il gruppo Prada (3,1 mld) è quattordicesimo.

La crescita media annua del fatturato nel 2013-2017 premia le aziende italiane: Valentino (+22,2%) e Moncler (+19,7%) sono rispettivamente seconda e quarta nella classifica dominata dalla danese Pandora (+26,1%).

L'Europa nel 2013-2017 ha realizzato un tasso medio annuo di incremento del fatturato del 7,4%. In questo contesto spiccano Danimarca (+13,6%) e Spagna (+10,1%), le uniche ad andare in doppia cifra. Sotto la media europea, invece, Regno Unito (+5%) e Italia (+3,5%). I gruppi italiani, sottolinea R&S, sono però più capitalizzati e liquidi.

Un aspetto distintivo anche dei maggiori gruppi europei della moda è la loro proiezione internazionale. Nel 2017 in media l'85,2% delle vendite è realizzato al di fuori del paese di origine. I francesi, con l'87,7%, sono davanti a tedeschi (83,6%) e spagnoli (82,3%). L'Italia è al 78,3%.

A livello europeo il settore sfiora il milione di occupati. Nel 2017 i 43 big europei hanno dato lavoro a quasi 990mila persone. I gruppi italiani si mettono in luce per aver incrementato la forza lavoro di oltre 30mila unità, secondi soltanto agli spagnoli che hanno ampliato il proprio organico di 48mila unità (riferibili in gran parte al gruppo Inditex, +44,7mila unità).