17 luglio 2019
Aggiornato 18:30
Centrosinistra

Mercedes Bresso a Cossato: «L'Europa è la soluzione non il problema, ma rivediamo le regole»

Se considerata unita, l’Europa è la più grande potenza economica, in termini di interscambio commerciale; l’EURO è la seconda moneta di riserva nel Mondo
Mercedes Bresso
Mercedes Bresso ANSA

COSSATO - Mercedes Bresso, deputata europea, membro delle Commissioni che riguardano gli Affari Costituzionali e le Politiche Regionali, conosce molto bene la materia. Ne ha parlato giovedì scorso nella sala del PD, stracolma di presenze, nonostante l’orario poco favorevole. Mancanza di trasparenza e di pubblicità delle sedute, denominazioni delle varie Istituzioni Europee che generano confusione, ma soprattutto la regola dell’unanimità che non può più reggere di fronte ad un insieme di popoli che hanno tradizioni millenarie, diversi per cultura, abitudini ed aspettative.

Per chiarire meglio tutti questi aspetti i suoi assistenti hanno distribuito gratuitamente il libro, sessanta pagine da leggere in un’ora, PER UN’EUROPA FORTE E SOVRANA, di cui è autrice. Si può anche scaricare in PDF dal sito www.mercedesbresso.it

Potenza economica e sociale

Se considerata unita, l’Europa è la più grande potenza economica, in termini di interscambio commerciale; l’EURO è la seconda moneta di riserva nel Mondo. In tema di diritti, di welfare e di ambiente l’Europa ha una cultura unica al Mondo, ma deve diventare anche una potenza autonoma. Oggi siamo sotto l’ombrello della Nato, quindi degli USA, che comunque sono nostri concorrenti sul mercato e, insieme a Cina, Russia potrebbero anche essere pericolosi in prospettiva. L’Ucraina insegna. Non possiamo considerare la Democrazia una cosa scontata.

Siamo potenza di pace, ma serve essere una potenza. Difesa comune, Guardia di Frontiera comune.

Solo unita l’Europa viene presa in considerazione. Lo si vede con la Brexit, lo si vede con la politica dei contatti bilaterali, impostati da Trump: così non ha problemi a prevalere sul singolo stato debole.

Sovranismo europeo

Se si deve parlare di sovranismo, bisogna parlare di SOVRANISMO EUROPEO.

Poi un lessico comprensibile nel definire gli organismi: il Presidente Junker della Commissione dovrebbe chiamarsi Presidente del Governo UE; i Commissari sarebbero i Ministri dell’UE e la Commissione indicata Governo dell’UE darebbero già una visione più chiara ai cittadini europei; il Consiglio Europeo, quello dei Capi di Stato, dovrebbe essere l’organo di indirizzo, mentre il Consiglio dell’Unione Europeo, composto dai Ministri dei singoli Stati sarebbe, insieme al Parlamento, il principale organo decisionale dell’UE, ma è bloccato da una prassi di votazione all’unanimità e non è per nulla trasparente: nessuno può assistere alle sedute.

Molti gli interventi: ma alla domanda ‘come se ne esce?’ la risposta pragmatica è stata quella di seguire, per cambiare, il modello raggiunto per la decisione sulla Difesa Comune, cioè hanno cominciato in pochi poi via via si sono aggiunti altri Stati sino alla quasi unanimità (manca la Danimarca)

Lorenzo Rosso