10 dicembre 2019
Aggiornato 12:00
Cultura

Le chiocciole della Cracking Art in piazza Duomo per sostenere la candidatura Unesco

In arrivo l'installazione della Cracking Art che intende aggiungere valore a quanto di buono si è fatto storicamente, e si continua a fare, a Biella
Una immagine della ricostruzione al computer dell'installazione della cracking art
Una immagine della ricostruzione al computer dell'installazione della cracking art Ufficio Stampa

BIELLA - Anche la Cracking Art, il collettivo di arte contemporanea nato nel 1992 e noto in tutto il mondo, partecipa alla campagna per la candidatura di Biella a città creativa Unesco. Lo farà in modo concreto e visibile con un'installazione in piazza Duomo e piazza Monsignor Rossi di sei delle sue sculture-bandiera, realizzate in plastica colorata.

Chiocciole giganti «scelte»

Si tratta di chiocciole giganti «scelte», come scrivono gli artisti nel progetto, approvato dalla Giunta nella seduta di lunedì 11 marzo, «perché rappresentano il procedere per gradi e in modo sicuro verso un obiettivo». Secondo i sei artisti del gruppo (Kikko Cagna, Alex Angi, William Sweetlove, Marco Veronese e Sergio Nucara), c'è anche un altro significato simbolico: «Con la sua casa la chiocciola è associata non solo alla dimensione domestica ma anche alla comunicazione e, in Italia, al simbolo della posta elettronica».

L'assessore Varnero: sostegno prezioso

«La scelta della Cracking Art di sostenerci» commenta l'assessore alla programmazione Valeria Varnero «è preziosa perché la loro arte ha davvero valicato i confini, raggiungendo tutto il mondo. È esattamente l'obiettivo della nostra candidatura Unesco: dare valore a quanto di buono si è fatto storicamente e si continua a fare a Biella».

Il movimento artistico

La Cracking Art è nata a Biella nel 1993 con l'obiettivo di coniugare l'arte all'impegno sociale e ambientale. La plastica, il materiale di cui sono fatte le loro opere, ha la proprietà di poter essere continuamente riciclata e rimodellata. Sono in plastica anche le sei chiocciole che da lunedì 18 marzo fino a lunedì 1 aprile troveranno spazio nel cuore della città. Si tratterà di una delle 400 installazioni fatte in più di 25 anni dal gruppo di artisti biellesi. Tra queste, spiccano quelle alla Biennale di Venezia e a Central Park, a New York.