21 aprile 2019
Aggiornato 10:00
Sanità

Chirurgia Urologica: Biella protagonista del congresso internazionale SIU-LIVE

L’urologia di Biella in streaming in diretta mondiale, in oltre 30 paesi, unico centro piemontese selezionato per l’evento
Un intervento in laparoscopia
Un intervento in laparoscopia Ufficio Stampa

BIELLA - La struttura complessa di Urologia dell’Ospedale degli Infermi è stata invitata dal comitato scientifico della Società Italiana di Urologia (SIU) a partecipare al più importante congresso italiano di chirurgia urologica in diretta: la SIU-Live. Si tratta di un congresso internazionale promosso dalla società italiana di urologia, dalla società europea e americana di urologia, organizzato il 28 e 29 marzo a Roma - al quale partecipano 30 dei più importanti centri urologici italiani, statunitensi, europei e asiatici.

Durante il congresso i centri si collegano con l’Auditoriun del Massimo a Roma e trasmettono in diretta dalle proprie sale operatorie le procedure più moderne in ambito urologico. Oltre 500 partecipanti nella sede congressuale e circa 30.000 contatti streaming nel mondo grazie ad una applicazione che consentirà ai professionisti di seguire l’evento dal proprio PC o Tablet.

Chirurghi di primo livello

Alla SIU-Live di quest’anno partecipano come di consueto chirurghi di primo livello, su tutti citiamo forse più famoso urologo degli Stati Uniti, il Prof. Vipul Patel, americano di origine indiana, ad oggi il chirurgo che ha eseguito più interventi per tumore prostatico (oltre 12.000), che opererà in videoconferenza da Miami, ed Alex Mottrie, belga, probabilmente il chirurgo robotico più in vista a livello europeo che opererà da Bruxelles.

Di primissimo livello anche la partecipazione dei centri italiani fra i quali citiamo: l’Ospedale San Raffaele di Milano, l’Istituto clinico Umanitas di Rozzano, il Policlinico San Donato, la clinica Urologica di Padova, l’Ospedale San Martino di Genova, L’Ospedale S. Orsola Malpighi di Bologna, l’Ospedale Careggi di Firenze e il Federico II di Napoli.

L'Urologia di Biella protagonista

La struttura complessa di Urologia di Biella è l’unico centro piemontese invitato a partecipare. Il reparto biellese diretto dal Dott. Stefano Zaramella è stato selezionato per la grande esperienza in chirurgia miniinvasiva laparoscopica nel trattamento delle neoplasie urologiche ma anche delle patologie benigne e in chirurgia laser; dalle moderne sale operatorie dell’Ospedale «Degli Infermi».  Trasmessi 3 interventi di chirurgia laparoscopica eseguiti dal dott. Zaramella coadiuvato dal Dott. Domenico Taglialatela e dalle Dott.sse Luisa Zegna, Fabiola Liberale ed Elena Cianini: una prostatectomia radicale laparoscopica, una cistectomia radicale laparoscopica con ricostruzione di una neovescica e un intervento laparoscopico per prolasso vescicale. Un quarto intervento verrà realizzato da un chirurgo ospite, il Dott. Cesare Scoffone dell’Ospedale Cottolengo di Torino, endourologo di fama internazionale, che eseguirà un intervento laser per la cura dell’ipertrofia prostatica benigna con una tecnica enucleativa da lui stesso ideata.

L’organizzazione di questo importante evento ha richiesto un grande sforzo organizzativo da parte dell’Asl, un particolare ringraziamento va agli anestesisti Dott. Claudio Pissaia e Giovanni Manfredda, a tutto il personale infermieristico coordinato dalla Dott.ssa Valentina Pozzato ed al capo dipartimento oncologico Dott. Roberto Polastri.