11 dicembre 2017
Aggiornato 10:00
Commercio

Progetto «015», la promessa: «A novembre i primi negozi. In primavera tutti gli altri»

Intervista alla presidente dell'associazione Luisa Bocchietto, che promuove l'apertura di un centro commerciale diffuso in via Italia e dintorni. Il progetto è ambizioso: oltre 50 negozi in centro con un milione di visitatori all'anno.

BIELLA - «015» è un’associazione senza scopo di lucro costituita tra privati nel 2014 per la promozione di un progetto di rilancio del centro storico della città, con la volontà di dare vita ad azioni mirate per la valorizzazione del territorio. La partecipazione dei componenti dell’associazione a diversi tavoli di riflessione sul futuro della città e le esperienze maturate nel tempo nei diversi ambiti di provenienza di ciascuno hanno fatto emergere la consapevolezza che sia necessario mettere a disposizione della collettività le proprie competenze, per la promozione di eventi, iniziative, progetti che sappiano dare voce alle esigenze di rigenerazione della città. Il presidente dell'associazione è l'architetto Luisa Bocchietto. Altra figura importante e conosciuta nel territorio è Stefano Mosca, attuale direttore dell'Azienda turistica locale. Così come l'imprenditore Roberto Bonati

Il progetto
L'associazione punta ad aprire una cinquantina di negozi, con l'obiettivo di portare in città circa un milione di visitatori che potrebbero appunto fare acquisti nei nuovi punti vendita, legati al mondo del tessile e del cibo.

Il punto
In città il progetto ha riscosso grande interesse. La nascita degli «Orsi», lo spostamento del mercato prima e dell'ospedale poi, infatti, hanno creato un danno enorme alle attività del centro cittadino oltre a tanti spazzi vuoti. Questo progetto, quindi, è visto da commercianti e da residenti come una manna da cielo. L'amministrazione comunale del sindaco Marco Cavicchioli (e dell'assessorato al commercio affidato a Stefano La Malfa) si è sempre dichiarata molto disponibile a collaborare, attraverso interventi urbanistici.