18 ottobre 2019
Aggiornato 18:00
Teatro e sport

«Nelle Olimpiadi 1936 c'è già tutto il bene ed il male dello sport contemporaneo»

Abbiamo intervistato Federico Buffa, volto noto del giornalismo sportivo televisivo, che ha raccontato il suo spettacolo dedicato alle Olimpiadi in Germania durante il regime nazista. Da stasera 3 date a Milano, al teatro Menotti

BIELLA - Successo di pubblico, mercoledì 16 dicembre, per Federico Buffa, al teatro Odeon. Il noto giornalista e scrittore, portava in scena uno spettacolo dedicato alle Olimpiadi del 1936, organizzate in Germania dal regime nazista che le utilizzò anche per mostrare al mondo la propria grandezza organizzativa. Tanti applausi e consensi per il volto noto delle cronache sportive (soprattutto di basket) televisive, che durante lo spettacolo ha raccontato le commoventi vicende legate ad alcuni atleti che presero parte a quell'edizione olimpica, su tutti: Jesse Owens, stella dell'atletica della nazionale statunitense. Buffa sta portando in giro per l'Italia il suo spettacolo. ​Venerdì 16, Sabato 17 e Martedì 20 dicembre sarà al teatro Menotti di Milano.

La biografia
Federico Buffa (classe 1959) è un giornalista e commentatore televisivo. Nel 1978 studia sociologia alla Summer Session dell'Ucla e, nello stesso anno, scrive il suo primo articolo per la rivista specializzata Superbasket, allora diretta da Aldo Giordani, proprio riguardante tale esperienza. Due anni dopo inizia la professione di agente, rappresentando alcune giocatrici del campionato di Serie A tra cui la sorella di Dennis Rodman, Debra. Nel 1984 diventa il radiocronista ufficiale delle partite dell'Olimpia Milano, e nello stesso anno, alla 7ª giornata di campionato inizia a condividere il microfono con Flavio Tranquillo. Nel 1986 diviene giornalista pubblicista. Dopo essersi iscritto alla facoltà di giurisprudenza dell'Università di Pavia ed essersi laureato a Milano con una tesi sul contratto di lavoro dello sport, debutta nelle telecronache su Telereporter nel 1987, al fianco di Guido Bagatta, in occasione della partita di Serie A tra Irge Desio e Allibert Livorno e riprende la collaborazione con il settimanale Superbasket. Nel 1991 debutta nelle telecronache di basket per TV Koper Capodistria, con Buffa commento tecnico e Tranquillo prima voce. Quindi nel 1994 fa il suo esordio nella tv satellitare Tele+ come seconda voce delle partite del basket Ncaa al fianco di Claudio Arrigoni e solo un anno dopo, con il ritorno delle partite Nba in pay-tv, viene scelto per affiancare Flavio Tranquillo nelle telecronache delle più importanti partite del campionato di basket Usa, da Tele+ a Sky Sport. E' anche autore di diversi libri e con lo spettacolo teatrale sulle Olimpiadi di Berlino del 1936, anche attore.